naso chiuso bambini

Come pulire il nasino del bambino

Come pulire il nasino del bambino?

Il bambino, specie nei primissimi mesi di vita, è molto delicato e fragile. Ogni brusco movimento sul suo viso, dunque, potrebbe risultare pericoloso e doloroso data la tenera età del piccolo. Bisogna tenere a mente ciò quando vogliamo pulire il naso dei nostri figli, dato che loro non sono in grado di soffiarselo da soli fino ai primi due tre anni di vita.

L’importanza di pulire il naso

Il naso intasato, in special modo durante influenze, raffreddori e virus vari, rischia di provocare non pochi fastidi e disagi nei piccoli. Questi problemi aumentano in particolare durante il sonno e le poppate, quando gli stessi assumono la posizione coricata finendo così per “attapparsi” quasi del tutto.

Solitamente, dato che è impossibile indurre il bambino a fare qualcosa che non sa fare – soffiarsi il naso, per l’appunto – gli esperti consigliano per i primi due-tre anni di vita i lavaggi del naso. Il nasino libero è infatti la migliore sicurezza e prevenzione contro le infezioni respiratorie.

Il piccolo, nei primi anni di vita, respira soprattutto con il naso dal momento che il flusso d’aria è assicurato al 70-80 per cento da quest’organo. Il nasino intasato da muco comporterebbe l’incapacità di mantenere un corretto apporto di aria – e quindi di ossigeno – ai polmoni. Ecco perché è fondamentale pulirlo accuratamente.

Lavaggi al nasino

Per detergere in modo ottimale il nasino dei bimbi più piccoli, gli esperti consigliano di effettuare lavaggi quotidiani. Come? Introducendo un liquido apposito direttamente nel naso del piccolo, che riesce lavarlo bene in modo da trascinare via il muco e tutti gli agenti esterni presenti nello stesso.

Come effettuare lavaggi al naso

É bene che il liquido passi da una radice all’altra, in modo da pulire bene tutto il nasino. Ecco perché, quando si effettua il lavaggio al naso, è bene mettere in posizione sdraiata il piccolo. Dopodiché ruotate dolcemente la testa del bambino su un lato e tenetela ferma con una mano.

Introducete, sempre nel modo più delicato possibile, il liquido nella narice destra quando la testa del piccolo è inclinata a sinistra, e nella narice sinistra quando invece è piegato a destra. Tenete premuto l’erogatore del liquido per qualche secondo, fino a quando la soluzione pulita non uscirà dalla narice.

Asportazione del muco

Nei casi in cui il nasino del piccolo sembra essere particolarmente intasato, il lavaggio nasale potrebbe risultare non sufficiente. In questo caso, il consiglio è quello di asportare il muco con strumenti appositi facilmente acquistabili in farmacia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *