foto_bonus_mamma_domani
Bonus mamma, 800 euro anche alle straniere: la decisione dell’Inps

Il bonus mamma domani è un sussidio che dà alle donne che hanno partorito la possibilità di ottenere un premio nascita di 800 euro, molto utile per sostenere le prime spese per il bambino. Negli ultimi giorni il Tribunale di Milano ha emesso una sentenza che riguarda proprio il sussidio. Molte mamme straniere avevano protestato per non poter richiedere il bonus. L’Inps, in una nota pubblicata qualche tempo fa, aveva vietato alle donne straniere di richiedere il sussidio. Per questo motivo in tante hanno protestato, portando il caso in Tribunale. Dopo la sentenza anche l’Istituto Previdenziale ha cambiato idea a riguardo.

La decisione del Tribunale di Milano

Il 12 dicembre il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso di APN, ASGI e Fondazione Giulio Piccini riguardo proprio la circolare dell’Inps. L’Istituto di Previdenza Sociale ha limitato l’accesso al beneficio a solamente alcune categorie di donne straniere.

Secondo l’Inps soltanto le mamme in possesso del permesso di soggiorno o la carta di soggiorno permanente avrebbe potuto richiedere il bonus. Il Tribunale ha perciò ordinato all’Inps di estendere il beneficio a tutte le donne straniere, anche quelle in possesso del permesso di soggiorno temporaneo.

L’Inps, in seguito alla sentenza del Tribunale di Milano, ha pubblicato una circolare con la quale estende la possibilità di richiedere il bonus a tutte le mamme straniere. L’Istituto darà quindi attuazione all’ordinanza che obbliga a dare il sussidio alle mamme con permesso di soggiorno a breve o lungo termine.

Nella nota si può leggere che “L’Inps ha già interessato i ministeri vigilanti e la Presidenza del Consiglio dei ministri e sta predisponendo i necessari interventi sulle procedure online”.

Perché l’Inps aveva limitato la richiedibilità del beneficio

L’Inps nella nota ha spiegato di aver limitato la richiedibilità del beneficio per un motivo ben definito. L’Istituto aveva disposto che non avrebbero potuto chiedere il sussidio le mamme straniere senza permesso di soggiorno a lungo termine: una decisione dettata dalle indicazioni del Consiglio dei Ministri.

Già da tempo l’Istituto aveva fatto presenti queste restrizioni e da alcuni mesi aveva richiesto ai vari ministeri di rivedere le indicazioni date. L’Inps, secondo quanto si legge nella nota, avrebbe voluto estendere la copertura pure alle mamme con permesso di soggiorno a breve termine. Per questo motivo, dopo la sentenza del Tribunale di Milano, l’Inps ha subito disposto affinché vengano predisposti i necessari interventi.

Cos’è il bonus mamma domani

Il bonus mamma domani può essere richiesto dalle donne in stato di gravidanza, a partire dal 7° mese. L’Inps prevede che alle donne con un figlio appena nato vengano dati 800€.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *