Bonus bebè dimezzato, solo 40 euro dal 2019: interviene la Lorenzin

Il bonus bebè negli ultimi mesi sembra non trovare pace. Dopo l’eliminazione dalla Legge di Bilancio 2018 e la successiva reintroduzione dell’utilissimo sussidio, a breve ci saranno nuovamente delle modifiche in merito. Dal 2019 infatti i genitori non otterranno più 80€ al mese (o 160€ per chi ha un Isee più basso) ma la somma sarà dimezzata. Sono tante le proteste in merito, anche dal mondo della politica. Proprio sulle modifiche della cifra del bonus bebè ha parlato la Lorenzin, il ministro della salute.

Il ministro Lorenzin spera che il bonus possa essere nuovamente modificato

Il ministro Lorenzin è intervenuto in occasione della presentazione del rapporto “L’Italia per l’equità nella salute”. I giornalisti hanno chiesto alla Lorenzin se ci siano i margini per modificare il bonus bebè.

Il Ministro ha risposto che si augura di sì, in quanto il bonus bebè rappresenta un sostegno alla natalità e alla genitorialità e per questo motivo non deve essere ridotto, anzi, dovrebbe essere aumentato per sostenere al meglio le famiglie.

Secondo il Ministro della Salute bisogna cercare di risolvere le ineguaglianze e per questo motivo lo Stato dovrebbe dare un aiuto a chi non riesce a sostenere le varie spese. La Lorenzin ha rivolto un pensiero soprattutto alle famiglie svantaggiate: proprio questi nuclei familiari dovrebbero essere aiutati con un sostegno valido.

Inizialmente si credeva che il bonus, nella nuova forma, sarebbe stato garantito solamente per un anno del bambino. La realtà è diversa, ma a causa del testo poco chiaro della norma molti partiti politici non avevano ben compreso le varie modifiche.

Tra i vari anche Alternativa Popolare, che non aveva compreso che la durata del bonus bebè rimane quella di sempre, ovvero 3 anni: a variare è l’importo, che sarà pieno solamente un anno. Queste incomprensioni tra partiti politici hanno portato le famiglie a non comprendere bene il nuovo bonus bebè.

Come cambia il bonus bebè

Il bonus bebè nel 2018 resterà come lo è sempre stato, ovvero 80€ al mese per chi ha Isee fino a 25.000€ e 160€ per chi ha Isee fino a 7.000€. Dal 2019 le cose cambieranno: il bonus sarà dimezzato e spetteranno 40€ a tutte le famiglie con un Isee che rientri nei margini e 80€ per le famiglie più povere.

Le proteste in merito sono molte, sia dai tanti genitori per i quali il bonus bebè rappresenta un importante aiuto, sia dal mondo della politica.

Il Governo aveva deciso inizialmente di eliminare il bonus da 80€ dalla Legge di Bilancio 2018. Fortunatamente dopo le molte pressioni dei partiti e delle famiglie italiane, ha scelto di rifinanziarlo. Per altri 3 anni il bonus potrà essere richiesto, anche se appunto sono cambiate le condizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *