foto_morbillo

Morbillo nei bambini: l’Italia è il paese più colpito d’Europa

Morbillo: all’Italia il primato, segue la Romania

L’Italia è il paese più colpito dal morbillo. A stabilire questo primato è stato l’ECDC, il Centro Europeo per il Controllo delle Malattie Infettive con sede a Stoccolma, che nel suo bollettino di novembre ha segnalato tutti i casi di epidemia in Europa dal 1 ottobre 2016 al 30 settembre 2017.

L’Italia prima per casi di morbillo

Tra i paesi europei, l’Italia è prima per quanto riguarda i casi di morbillo: 4925 le persone colpite dall’epidemia negli ultimi dodici mesi. Superata così, seppur di poco, la Romania, che ha registrato 4854 casi. Non è un caso che l’Organizzazione mondiale della Sanità, ad inizio anno, aveva lanciato l’allarme morbillo proprio per questi due paesi.

L’allarme dell’OMS

“É particolarmente preoccupante il numero di casi del morbillo presenti in Europa“, affermava la dottoressa Zsuzsanna Jakab, direttore dell’OMS per l’Europa. “I più grandi casi di epidemia di morbillo in Europa sono in corso in Romania e in Italia.

I casi nel nostro paese

Da inizio anno, sono quattro le persone decedute in Italia per morbillo, senza contare gli innumerevoli ricoveri. Intanto, dopo l’ufficialità del primato italiano, l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco ha pubblicato un duro post sul proprio profilo Facebook.

Con il contributo di tutti, da coloro che si sono impegnati strenuamente a diffondere disinformazione e paura ad un sistema di sanità pubblica sempre più in affanno, l’Italia detiene e mantiene il primato europeo di Paese free-measles: nel senso che il virus del morbillo è libero di scorrazzare“. Velato riferimento al sistema delle vaccinazioni.

Prevenzione

Per quanto riguarda la prevenzione, si sono registrati casi record in Emilia Romagna ed in Umbria, regioni nelle quali la copertura vaccinale è arrivata rispettivamente al 96,6 e 92,1 percento. Dopo l’entrata in vigore delle vaccinazioni obbligatorie sancite dal decreto Lorenzin, si è registrato un aumento di prevenzione generale nel nostro paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *