foto_bucato_neonato

Come lavare il pigiama e l’intimo del bambino

Come lavare il pigiama e l’intimo del bambino

Si sa che la pelle del bambino, ed in particolar modo quella del neonato, è molto sensibile e delicata e tendenzialmente è molto esposta ad arrossamenti, screpolature, fastidiosi pruriti o allergie.
Gli abitini del vostro bambino si sporcheranno molto frequentemente di latte, cibo o rigurgiti. Per questo motivo è importante conoscere il modo corretto per lavare i vestiti di un neonato, garantendone la massima igiene.

Il bucato dei più piccoli

Con l’arrivo di un bimbo la quantità di panni da lavare si moltiplica. Di seguito troverai alcuni consigli utili su come fare il bucato dei neonati. Partiamo col dire che tutti i vestitini del neonato, che siano nuovi o già usati dal fratellino/sorellina, vanno lavati e igienizzati a dovere.

Nel caso in cui si acquisti un nuovo vestitino, o lo si riceva in regalo, occorre procedere con la messa in ammollo o il risciacquo in lavatrice. Prima di fare ciò, però, è opportuno togliere le etichette adesive in quanto, se lasciate, potrebbero sciogliersi macchiando il vestito.

Bucato neonato separato

Il corredino del neonato, che sia il pigiamino o l’intimo deve essere lavato separatamente rispetto a quello del resto della famiglia e con un detergente delicato.

Lavare i vestiti del bambino insieme a quelli del resto della famiglia li espone al rischio di fastidi della pelle, come dermatiti, e ciò è determinato dall’utilizzo di detersivi più aggressivi contenenti fosfati, sostanze che in quantità eccessive risultano dannose sia per la pelle che per gli occhi.

Opportuno applicare lo stesso principio per la cesta della biancheria: per i vestiti dei neonati è sempre meglio usarne una separata.

pigiamini stesi

Detersivi da utilizzare per il bucato

Ricerche hanno dimostrato che non è necessario acquistare “detersivi per bambini” che si trovano in commercio, ragion per cui:

– puoi utilizzare un normale detersivo liquido senza o con pochi allergeni. I prodotti specifici, oltre a non essere necessari, sono mediamente più cari. Il sapone di Marsiglia che è povero di additivi potrebbe essere una buona idea.

– usa il detersivo nelle dosi consigliate o in una dose un po’ inferiore, in modo da assicurarti che non restino tracce di detergente dopo il lavaggio

– fai un risciacquo aggiuntivo

– evita l’utilizzo dell’ammorbidente

Rimedi della nonna per il bucato

Per smacchiare ed igienizzare i tessuti del vostro bambino, è un ottimo rimedio della nonna l’utilizzo del bicarbonato che, posto sul tessuto prima del lavaggio in lavatrice, assicura pulizia e brillantezza al capo.

Il bicarbonato può essere usato anche in lavatrice se messo nella vaschetta del detersivo, eventualmente insieme a qualche goccia di aceto bianco, che funge da ammorbidente.

Per togliere le macchie grasse da pigiama, tutine o body, si possono usare facilmente talco o farina, succo di limone o olio di eucalipto.

lavaggio vestiti bimbo

Come lavare i pannolini lavabili

Se avete deciso di utilizzare i pannolini lavabili bisogna sapere che raggiungeranno il massimo dell’assorbenza dopo circa 8/10 lavaggi. Quando iniziate ad utilizzarli, l’ideale è lavarli in lavatrice ad una temperatura di 60° per eliminare eventuali batteri. Durante i primi mesi del neonato probabilmente sarà necessaria una lavatrice a giorni alterni, mentre dopo i 6 mesi basteranno 2 lavatrici a settimana per lavare i pannolini.

Fase di asciugatura bucato bebè

I vestiti dei bambini, che siano pigiami o capi intimi, vanno tutelati anche dopo il lavaggio, ad esempio stendendo la biancheria al rovescio affinché non ingiallisca al sole. È importante ritirare il bucato non appena questo si asciuga in modo tale da evitare che non si depositi polvere dannosa per la cute del vostro piccolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *