foto_mamma

Bonus mamma disoccupata: come richiedere subito l’assegno

Bonus mamma disoccupata

I bonus 2017 a sostegno delle famiglie sono molteplici, alcuni chiedono un limite dell’ISEE e altri invece vengono elargiti indipendentemente dal reddito. Esiste uno specifico bonus bebè per mamme disoccupate che viene emanato direttamente dal Comune di appartenenza e che serve a dare un aiuto alle donne che hanno lasciato il lavoro o sono casalinghe per affrontare al meglio l’arrivo di un figlio.

Bonus bebe

Il benus bebè, o assegno di natalità, è un contributo dato non solo alle mamme che non lavorano, ma a tutte le famiglie che hanno un bambino nato, adottato o preso in affidamento dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2017. Lo Stato contribuisce con un bonus per i genitori di 80 euro al mese se l’ISEE non supera 25 mila euro e 160 euro al mese se non supera i 7 mila euro.

Maternità

Le mamme che partoriscono o adottano e prendono in affido un bambino possono richiedere al Comune di residenza l’assegno di maternità per disoccupate entro sei mesi dal lieto evento. L’importo è deciso di anno in anno e questo bonus per donne disoccupate non è cumulabile con altri trattamenti previdenziali.

Bonus

Il bonus inps per disoccupati, invece, è rivolto a tutti coloro che hanno perso il lavoro o lo hanno lasciato da 18 a 9 mesi antecedenti al parto. In questo caso c’è un altra possibilità di ricevere un aiuto economico ed è l’assegno di maternità dello Stato. Anche questo viene rivalutato ogni anno.

Bonus disoccupati

Il Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha da poco dichiarato che sono previsti ulteriori aiuti economici per disoccupati. Non si tratta solo di un bonus per casalinghe, ma delle misure straordinarie per le donne che vivono in regioni più svantaggiate come la Basilicata, la Calabria, la Campania, la Puglia e la Sicilia e in alcuni Comuni della penisola.

Bonus mamma disoccupata

Agevolazioni per disoccupati

Questi incentivi per disoccupati sono finanziati dalla Comunità europea e hanno come scopo quello di far reintrodurre nel mondo del lavoro le donne che si sono dedicate ai figli e hanno dovuto interrompere la loro professione. Le aziende che assumeranno una disoccupata potranno ricevere degli incentivi, tra cui uno sconto del 50% sui contributi da versare.

Bonus famiglie

Indipendentemente dal reddito o dallo stato di occupazione o meno, le famiglie possono comunque richiedere un bonus nascita, ovvero il bonus mamma domani. È un bonus per primo figlio o per gli altri di 800 euro per coloro che hanno avuto, adottato o preso in affidamento un bambino dal 1 gennaio 2017.


Leggi anche: Social card disoccupati, requisiti e domanda


Bonus Inps

La maggior parte dei bonus per neo mamme, così come gli altri aiuti economici per inoccupati e non, sono erogati dall’Istituto di previdenza sociale. Le domandine inps vanno redatte per via telematica, ma per ogni difficoltà burocratica si può chiedere aiuto anche a enti di patronato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *