foto_mare

I bambini al mare sono nervosi per colpa dei genitori: ecco perché

Molto spesso al mare i bambini sono nervosi, agitati e capricciosi. Secondo quanto hanno sempre detto i nostri nonni, la colpa non sarebbe dello iodio, ma dei genitori. Infatti i bambini risentono moltissimo del cambiamento dei ritmi di vita in vacanza. I genitori hanno quindi una grandissima responsabilità nell’agitazione e nel nervosismo che i bambini hanno quando sono al mare. A rivelarlo sono stati gli esperti che hanno studiato e analizzato il comportamento dei bambini quando sono in vacanza.

“Senz’altro è vero che la maggior parte dei bambini sono più calmi e meno nervosi in montagna o in campagna piuttosto che al mare. Ma è più una questione ambientale e legata al tipo di attività che si svolgono” ha detto Alberto Giovanni Ugazio, pediatra dell’Istituto Bambino Gesù per la Salute del Bambino e dell’Adolescente. I bambini dunque di solito sono più tranquilli in montagna piuttosto che al mare, ma il tutto dipende soprattutto da come i genitori organizzano la vacanza.

I bambini al mare si stancano per colpa dei ritmi diversi

Il mare stanca e innervosisce i bambini perché è un luogo confusionario. Al mare i bambini corrono, giocano, fanno amicizia con altri bambini e non si riposano quasi mai. Per questo motivo a fine giornata risultano essere spesso nervosi e agitati. Inoltre a rendere il mare un ambiente più stimolante per i bambini è la luce del sole. Il bel tempo e la luce solare invogliano i bambini a divertirsi e a fare chiasso. I piccoli in questo modo di stancano e risultano essere molto più nervosi che se la vacanza fosse in un altro posto.

Un altro problema delle vacanze al mare sono i pasti. Solitamente quando si va al mare si tende a non rispettare i classici orari per mangiare: il bimbo può quindi fare merenda in tarda mattinata e non avere fame a pranzo e quindi poi nel primo pomeriggio avere voglia di mangiare.

I bimbi perdono così le loro abitudini e i loro ritmi, che nell’infanzia sono fondamentali. Questo contribuisce a rendere i bambini nervosi, così come il sonno. In vacanza al mare si tende spesso ad uscire la sera e quindi a fare tardi e a saltare il riposino pomeridiano. Il bimbo in questo modo sarà stanco e molto nervoso.


Leggi anche: Portare i cani in spiaggia fa bene ai bambini


I genitori dovrebbero quindi organizzare le vacanze rispettando i classici ritmi del bambino. Le vacanze si possono fare in montagna, in campagna o al mare, ma indipendentemente dal luogo bisogna non cambiare troppo routine. Il bambino ha bisogno di mangiare sempre agli stessi orari e di dormire come al solito per sentirsi riposato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *