foto_calore

Bimba colta da un colpo di calore mentre dorme in casa: il gesto della madre

I social network, oltre ad essere un luogo di svago, sono anche un luogo di confronto dove si possono lanciare appelli per raggiungere un ampio pubblico. Molti genitori, quando vogliono sensibilizzare su un determinato tema, lo fanno lanciando messaggi su Facebook, come Jessica Abma, una mamma inglese. La mamma ha pubblicato su Facebook e Instagram una foto della figlia Anastasia, di 3 anni, che apparentemente sta dormendo. La donna ha voluto lanciare un importante messaggio a tutti i genitori. La bambina infatti, nonostante all’apparenza sembra che stia dormendo, non è così.

Jessica ha scattato a sua figlia Anastasia una foto mentre la piccola apparentemente sta dormendo. La pelle della bimba sembra leggermente arrossata e umida, ma Jessica non avrebbe mai pensato che la bambina stesse male. La mamma, dopo aver scattato la foto, ha provato a svegliare la bimba.

La piccola. però, nonostante la mamma la chiamasse e strattonasse per svegliarla, non ha aperto gli occhi. Jessica ha provato per 15 minuti a svegliare Anastasia, ma la bambina non ha reagito in alcun modo. Spaventata, ha chiamato l’ambulanza che in pochi minuti è arrivata in casa.

La stanza della bambina era estremamente calda e mentre Anastasia faceva il riposino, l’ha colta un colpo di calore. La bambina infatti era rossa in faccia e estremamente bollente. La mamma ha pubblicato su Instagram e Facebook la foto di Anastasia stesa sul suo lettino in quei brutti momenti in cui non si svegliava.

Jessica ha infatti voluto sensibilizzare tutti i genitori su ciò che può accadere in una stanza troppo calda. Qualche minuto in più in quella stanza bollente e sarebbe potuta accadere una disgrazia.

La mamma ha lanciato un messaggio per avvertire gli altri genitori del pericolo

“Anastasia era andata a fare un sonnellino, non avevo idea di quanto calda potesse essere la sua stanza fino a che non sono andata a svegliarla trovandola sudata, con la faccia rossa, bollente e incapace di svegliarsi per 15 minuti, l’ambulanza è arrivata più velocemente di quanto potessi immaginare e hanno preso i suoi livelli di zucchero che erano 1.2 mentre dovrebbero essere sopra ai 4, le hanno dato del saccarosio e in pochi minuti ha iniziato a piangere chiaramente spaventata. No, non è colpa mia per ciò che le è successo ma è duro non incolparsi.” ha scritto accanto alla foto la mamma, evidentemente preoccupata.


Leggi anche: Colpo di calore nei bambini, come sono i sintomi


Jessica ha poi voluto lanciare un messaggio anche per gli altri genitori, per far sì che queste cose non accadano ad altri bimbi: “Questa è una lezione imparata e spero che altri genitori possano imparare da questo e assicurarsi di controllare le camere nella loro casa perché possono essere pericolose come una macchina bollente. Sono ancora scioccata e non posso immaginare cosa sarebbe potuto succedere se non fossi andata a controllarla. Abbiamo avuto Dio dalla nostra parta ieri e sono grata al servizio di emergenza e a Jay che è venuto il più velocemente possibile per stare con me.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *