foto_cicogna

Bonus cicogna, 500 euro per chi è nato nel 2016: come funziona

Un nuovo bonus per l’infanzia è in arrivo per i bambini nati nel 2016. Il Bonus Cicogna prevede 500 euro per i bambini nati nel corso del 2016. L’Inps ha pubblicato il bando nella giornata del 28 luglio con tutte le informazioni riguardo il bonus che prevede 600 contributi di 500€ ciascuno. Il bando scade il 31 ottobre 2017. La domanda deve quindi essere presentata necessariamente entro questo giorno. Chi può richiedere questo bonus?

Bonus cicogna: chi può richiederlo

Il Bonus Cicogna non può essere richiesto da tutti. Il bonus può essere richiesto per i figli o gli orfani di dipendenti di Poste Italiane, dipendenti ex IPOST, soggetti alla trattenuta mensile dello 0,4% secondo l’art. 3, legge 27 marzo 1952, n. 208 e dai pensionati di Poste Italiane o già dipendenti ex IPOST.

Il Bonus Cicogna può essere richiesto dal titolare del diritto (quindi dipendente Poste Italiane ecc.) o dal coniuge. Qualora il titolare del diritto sia deceduto, il bonus è richiedibile dal coniuge superstite.

In caso il titolare del diritto abbia perso la responsabilità genitoriale, il coniuge può richiederlo in qualità di genitore richiedente. L’altro genitore può richiedere il bonus anche se non coniugato in caso di decesso o perdita della responsabilità genitoriale del titolare del diritto.

Nel caso in cui il figlio del titolare del diritto abbia un tutore, il bonus può essere richiesto da quest’ultimo. Il Bonus può essere richiesto per il figlio nato nel corso del 2016.

I requisiti per richiedere il bonus

Per richiedere il bonus bisogna avere un figlio nato nel 2016 e essere titolare del diritto come sopra indicato. Qualora venga richiesto anche il “Contributo per iscrizione e frequenza asilo nido anno 2016/2017” e per entrambi si rientri in graduatoria, verrà erogato solamente il Bonus Cicogna, non ottenendo l’altro.

Per richiedere il bonus bisogna essere iscritti alla banca dati dell’Inps. Come indicato nella guida Inps “I titolari della prestazione, iscritti alla Gestione ex IPOST, che non risultino iscritti nella predetta banca dati, dovranno preventivamente contattare gli uffici al seguente indirizzo di posta elettronica: dcsnaic.assistenzamutualita@inps.it.”.

Tutti gli altri dovranno iscriversi utilizzando il modulo “Richiesta di iscrizione in banca dati”. Una volta compilato, il modulo va presentato presso la sede provinciale Inps, attraverso vari metodi: di persona, attraverso posta elettronica, attraverso Pec, tramite fax o tramite raccomandata. Per fare domanda bisogna essere in possesso di un pin richiedibile tramite: call centre, on line (Richiesta PIN on line) o presso le sedi INPS.

Attestazione Isee

Il richiedente il bonus deve aver presentato la DSU (Dichiarazione sostitutiva unica) per la determinazione dell’Isee. La posizione in graduatoria dipende dall’Isee.


Leggi anche: Bonus elettrodomestici per le famiglie, come fare domanda


Domanda di partecipazione

La domanda di partecipazione va inviata in via telematica. Sul sito Inps bisogna digitare “Servizi Fondi Gruppo Poste Italiane” e cliccare su “Servizi Fondi Gruppo Poste Italiane (Assistenza): Bonus Cicogna fondi Ipost”. Bisogna poi cliccare su “Inserimento nuova domanda” e bisogna inserire i dati richiesti. Una volta inviata la domanda non può essere modificata. La graduatoria verrà stilata secondo l’Isee e pubblicata sul sito Inps.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *