bimbo auto

Lascia la figlia di un anno in auto con l’aria condizionata e va dal parrucchiere: la piccola muore

Lascia la figlia di un anno in auto va dal parrucchiere: la piccola muore

Un’altra tragedia si è consumata a causa di una grave dimenticanza. È successo negli Stati Uniti d’America, dove una mamma ha abbandonato la sua bimba di appena un anno in auto per sei ore. Non si immaginava che il veicolo sarebbe diventato poi una trappola mortale.

L’aria condizionata non basta

La donna, secondo quanto riporta Il Messaggero, pensava che lasciare l’aria condizionata accesa bastasse ad evitare la tragedia mentre andava dal parrucchiere. Ma quando la vettura si è spenta, la piccola Skylar si è ritrovata in un vero e proprio inferno.

Sei ore in auto sotto il sole

Dijanelle, 25 anni, aveva appuntamento per le 10 del mattino con il suo parrucchiere a Tucker, in Georgia. Dopo essersi assicurata che la piccola fosse ben ancorata al seggiolino, la donna ha acceso l‘aria condizionata ed è scesa dalla macchina.

Da quel momento, per sei lunghe ore, la bambina è rimasta sola, senza che la madre tornasse anche una sola volta a controllarla. Poco dopo che Dijanelle si era allontanata, infatti, l’aria condizionata si è spenta.

Alle 16, quando la donna è tornata alla macchina, si è accorta che la sua bimba era morta: in preda al terrore, ha coperto il corpo della figlia e ha chiamato un uomo per aiutarla ad accendere la vettura. Poi, secondo quanto fanno sapere gli inquirenti, avrebbe scritto un messaggio al compagno, inventandosi un finto mal di testa.

Smascherata dagli inquirenti

Con la scusa, si sarebbe diretta all’ospedale universitario di Emory. Dal parcheggio ha chiamato poi il pronto soccorso per segnalare che c’era una donna svenuta in macchina con una bambina ed in seguito ha finto un malore. Quando i medici sono arrivati Skylar era morta. Al volante Dijanelle sembrava essere svenuta.

A far vacillare la versione della donna è stata l’autopsia sul corpo della piccola: le analisi rivelavano che era morta da troppe ore, mentre sua madre era arrivata nel parcheggio molto tempo dopo il suo decesso.

Un altro tassello determinante sono stati gli elementi ritrovati sul telefonino della donna: dal messaggio inviato al compagno a una ricerca fatta su Google in cui Dijanelle si informava sui sintomi delle crisi epilettiche.


Leggi anche: Cosa succede al corpo del bambino dimenticato in auto


Latitante, si è costituita poco fa

La donna si è data alla una fuga disperata tra la Carolina del Sud, il New Jersey e la Florida. Solo poche ore fa si è resa conto di non aver più scampo e si è consegnata nelle mani della polizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *