foto_papà e piccolo

Il ruolo del papà dopo il parto per mamma e bambino

Il ruolo del papà nei primi mesi dopo il parto

La nascita è un evento unico! Insieme al bambino nascono anche una mamma ed un papà e questo comporta inevitabilmente la creazione di nuovi equilibri ed il bisogno di ridistribuirsi i rispettivi ruoli all’interno della coppia. Ed ecco che si costruisce la cosiddetta Matriosca della Nascita! Avete presente quell’insieme di bamboline incastrabili le une nelle altre e tipiche della tradizione russa? Immaginate che il pezzo più interno sia rappresentato dal cucciolo appena nato, che viene accolto dall’abbraccio della mamma, che a sua volta viene protetta dal papà… Tre anime diverse che si intrecciano insieme e si prendono cura l’una dell’altra, reciprocamente… In questo contesto il papà riveste un ruolo fondamentale all’interno del nuovo nido familiare! È supporto, protezione, consolazione, aiuto pratico, tenerezza, comunicazione, cura, legame e tante, tante, tantissime altre cose! Vediamo perché!

L’importanza del papà subito dopo il parto della mamma

Innanzitutto può fornire un valido sostegno pratico alla propria compagna che, soprattutto durante le prime settimane dopo la nascita, dedica tutte le energie all’accudimento del cucciolo appena arrivato. Sebbene non possa allattare, il papà può creare le condizioni perché la mamma possa farlo nel migliore dei modi! Sapere di avere qualcuno su cui poter contare per bucati, pulizie, spesa, cucina, ecc… è già una grandissima conquista!

Il papà ha l’importante compito di proteggere l’ambiente familiare da interferenze esterne (per esempio visite di amici e parenti) che, soprattutto nelle prime settimane, possono influire negativamente sulla costruzione della prima relazione con il neonato.

Il papà può costituire una grande riserva energetica per la sua compagna, semplicemente sussurrandole “sono qui con te…”, ascoltandola, consolandola nei momenti di sconforto, facendola sentire donna e madre allo stesso tempo, sostenendo le sue competenze e capacità nell’accudimento del cucciolo, coccolandola se lo desidera e imparando pian piano a riconoscere i suoi bisogni in base al momento. Non preoccupatevi, cari papà, siete perfettamente in grado di fare tutto questo! Concedetevi solo un po’ di tempo e pazienza e diventerete la risorsa migliore possibile per mamma e bambino!

Infine il papà rappresenta una grandissima ricchezza anche per il neonato, che interagisce con lui attraverso modalità comunicative diverse da quelle materne, ma estremamente utili e stimolanti per il suo sviluppo! Il bambino è in grado di riconoscere la sua voce perché l’ha sentita durante la gravidanza e questo può contribuire a tranquillizzarlo quando piange.

E che dire quando la mamma si assenta? Beh, una tenera coccola del papà può davvero fare la differenza!