foto_bambino sbadiglia

Rumore bianco: come far rilassare il bambino

Il “white noise” o rumore bianco è un particolare suono privo di periodicità nel tempo ed è così definito proprio perché se fosse tradotto nel linguaggio dei colori sarebbe privo di qualsiasi tonalità e corrisponderebbe proprio al bianco.

Il rumore di un asciugacapelli, quello della lavatrice e addirittura il suono di un aerosol elettrico possono benissimo essere raggruppati all’ interno di questa particolare classe di suoni.

Ma lo sapevate che questi “white noises” fanno rilassare e, addirittura, addormentare i bambini? Ebbene sì, tale rumore bianco, qualsiasi sia la sua origine, ha la capacità di conciliare il sonno dei bambini e sono proprio tantissime indagini scientifiche sul sonno infantile a dirlo.

E’ semplicemente un “gioco” di suoni e rumori: l’ assenza di periodicità fa in modo che si silenzi la frequenza di qualsiasi altro rumore che potrebbe essere percepito come fastidioso da parte del bambino.

Ma perché accade tutto ciò? Incredibile ma vero, a dirlo è Harvey Karp, un grande pediatra esperto nello sviluppo infantile. Da anni è proprio lui ad affermare che i rumori bianchi sono esattamente quelli percepiti durante la vita fetale, in ambiente intrauterino.

Sono dei suoni che richiamano quel periodo di estremo contatto con la madre, durante il quale gli impulsi provenienti dall’ esterno sono assolutamente blandi e rassicuranti, come tutte le altre percezioni sensoriali, diversamente da quanto accade nella vita extrauterina in cui tutti gli stimoli e gli input sono “forti” e, talvolta, fastidiosi.

Come approfittare di questi rumori e testare se le parole del pediatra Karp sono veritiere? Sembrerà ridicolo o banale, ma basterà osservare il comportamento del piccolo mentre si usano gli elettrodomestici, o vista la tecnologia incombente è possibile ricercare sui motori di ricerca le registrazioni dei “white noises”, versione mp3. Chissà se i vostri bambini apprezzeranno questa bella musica!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>