foto_pancia_piatta_postgravidanza

Globo vescicale post-partum: rimedi?

La ritenzione urinaria può costituire una delle più frequenti complicanze del parto (ma anche di un taglio cesareo), con la formazione del cosiddetto globo vescicale.

Infatti, il globo vescicale rappresenta una conseguenza diretta della ritenzione di urina all’ interno della vescica, dettata dall’ incapacità della stessa di svuotarsi. Ciò induce proprio alla formazione di una massa palpabile dall’ esterno (appunto il globo).

I sintomi? L’ impossibilità di avere una minzione spontanea, dolore nella zona ipogastrica, malessere generale, alterazioni del sonno.

Le cause possono essere varie: prolasso genitale, stenosi (restringimento) uretrale, analgesia locale o epidurale, pressione eccessiva sul detrusore, stiramento dei plessi nervosi vescicali, stipsi, primiparità, atonia vescicale, episiotomia o, ancora, eccessiva distensione perineale. Tutti questi sono elementi strettamente correlati al parto spontaneo.

Naturalmente un parto difficile o la presenza di un feto con un peso maggiore alla norma (macrosomia) possono essere elementi a favore della ritenzione urinaria. Spesso il globo vescicale si forma proprio come conseguenza di un’ ostruzione ed è compito di chi effettua le prime cure nel post-partum e nel puerperio (proprio le ostetriche) a dover evidenziare tale situazione.

Innanzitutto si deve effettuare un cateterismo di emergenza, per poi valutare e approfondire con un esame addomino-pelvico, visita ostetrica ed esami più specifici, dalla cisto-uretroscopia all’ esame urodinamico.

Tra le forme terapeutiche, chirurgiche e mediche, vi sono: cateterismo soprapubico con puntura della vescica, uso di farmaci (inclusi antibiotici nel caso di infezioni), cateterismo ad intermittenza, manovra di Credè.

Inoltre, ci sono tecniche naturali per provare a ridurre la ritenzione urinaria: bagno caldo in vasca con posizionamento di un panno proprio a livello ipogastrico.

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>