foto_donatore_malato

Danimarca: donatore di seme malato infetta 100 bambini

In Danimarca, a causa di una malattia genetica rara, un uomo conosciuto soltanto come donatore 7042, il numero del suo codice di donazione, ha fatto nascere attraverso la fecondazione molti bimbi nel mondo che oggi soffrono di una grave patologia. Il “colpevole” è riuscito ad infettare circa 100 bambini e la clinica danese, a cui si era rivolto, non sapeva della malattia, la neurofibromatosi 1 (NF1).

In realtà il caso risale al 2012 quando furono stimati circa 42 bimbi infetti, alcuni erano nati affetti da neurofibromatosi, secondo quello che hanno raccontato 10 donne al Mail on Sunday. Già quindi 3 anni fa, questo caso in Danimarca ha fatto riportare un cambiamento dei regolamenti con una stretta sia sui figli possibili da un unico donatore che sui controlli su questo tipo di malattie.

Il caso è tornato alla ribalta dopo che una madre ha scoperto la malattia del figlio e ha voluto vederci perciò chiaro. Le autorità sanitarie stanno portando avanti indagini molto approfondite ed è quindi polemiche per i mancati controlli da parte della clinica che non ha evitato uno spiacevole contagio.

La patologia oltre al nome di neurofibromatosi 1 è anche conosciuta come “malattia di von Recklinghausen (dal patologo tedesco Friedrich Daniel von Recklinghausen)” ed è una malattia genetica autosomica dominante. E’ caratterizzata da diverse manifestazioni cutanee, oculari e nervose e in alcuni casi l’intelligenza è ridotta, in altri i neurofibroni possono crescere all’interno del tubo digerente provocando un’ostruzione intestinale ed emorragia.

La cosa che spaventa maggiormente, secondo il Mail on Sunday è che:”Il donatore 7042 ha donato lo sperma alla clinica Nordic Cryobank, ma è stato poi usato in 14 diverse cliniche in America, Canada, Belgio, Islanda, Georgia, Grecia, Spagna e Thailandia“. Intanto il numero di famiglie che stanno denunciando la clinica aumenta sempre di più.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>