foto_cura_ricostituente

Cura ricostituente nei bambini: a cosa serve

Il bambino è stato debilitato a causa dell’influenza oppure non mangia a sufficienza? Non c’è problema, attraverso gli integratori vitaminici si potrà optare per una cura ricostituente per il piccolo di casa. L’idea è nata nel dopoguerra per integrare le carenze di calcio, ferro e vitamine che mancavano ai figlioli, costretti in aggiunta a mangiare miele, pappa reale e fegato di merluzzo per ripristinare le forze. Oggi però vi è anche un vero abuso di tutto ciò, finendo per immunizzare i figlioli a questi sciroppi, a queste gocce, o infusi naturali che non fanno più effetto se assunti senza interruzione.

In realtà i ricostituenti di un tempo, integratori di oggi, servono soltanto se un bimbo si presenta stanco e affaticato, se ha fatto una cura antibiotica o se è realmente inappetente. I mass media pubblicizzano questi prodotti il più delle volte vendibili anche al supermercato senza prescrizione medica. Oggi alcuni studiosi però definiscono i ricostituenti un vero effetto placebo per le madri apprensive, pronte ovviamente a voler vedere sempre in salute i propri figli senza accettare il fatto che proprio ammalarsi di influenza rinforza il bambino.

I multi vitaminici o anche alcuni prodotti omeopatici per i piccoli vengono il più delle volte fatti assumere arbitrariamente dalle mamme ansiose. E’ vero, una cura preventiva ai malanni di stagione se prescritta dal pediatra non può far di certo male, anzi dovrebbe riuscire a preservare le difese immunitarie del piccolo, ma resta il fatto che a volta le genitrici abusano degli integratori per i propri figli creando un ciclo chiuso, senza staccare mai la cura, così che poi il ricostituente non arreca più l’effetto desiderato.

A volte, se si preferisce non usare cucchiai di Betotal per dare maggior forza ai propri bambini, si può procedere attraverso una corretta e salutare alimentazioni a base di prodotti di stagione e basta. Altri genitori invece cercano qualcosa che tiri su ancora di più i loro figli e trovano la soluzione nell’Arnia mix di miele, pappa reale, polline e propoli, rimedio naturale per trovare vigore e appetito. Resta comunque importante ricordare che anche per gli innocui integratori, bisogna evitare un abuso perché l’organismo del bambino può assuefarsi alla cura, che invece di diventare ricostituente, non viene più interrotta a causa dell’ansia materna di fargli prendere ricadute.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>