foto_umidificatori

7 regali davvero utili per una neo-mamma

Questo post è rivolto a chi ha un’amica che sta per partorire e sta già pensando di presentarsi in ospedale con… il decimo paio di scarpine di lana, il quindicesimo cappellino di cotone o il ventesimo bavaglino bordato di rosa o di celeste. Saranno anche carini, ma vi scongiuriamo: resistete e ripensateci! Date un’occhiata qui e regalate alla neo-mamma qualcosa che possa usare davvero.

  1. Il regalo basic: body e pannolini.
  2. I body non bastano mai quando si comincia a “maneggiare” un neonato: hanno una innata capacità di sporcarsi! Potete anche prenderli a misure crescenti, ma attenzione alla lunghezza delle maniche: corte o lunghe in base alla stagione. Se non avete figli o li avete ormai troppo grandi per ricordare… lasciatevi consigliare dalle commesse!
    I pannolini non vi sembreranno forse un gran regalo, ma rappresentano forse il modo più concreto di essere presenti nei primi giorni della vita del bebè.

  3. Pensando al bagnetto: accappatoio e vaschetta.
  4. Il telo da bagno con il cappuccio è un classico. Ogni coppia di neogenitori ne riceve un certo numero: potete eventualmente differenziarvi con un ricamo o un soggetto particolare. Un oggetto che servirà a qualche settimana dalla nascita, quando sarà caduto il moncone del cordone ombelicale, è la vasca per il bagnetto. Chiedete al babbo o ai nonni se per caso è un oggetto che hanno già acquistato o che hanno avuto in eredità da fratelli o zii, in alternativa potete sceglierne una tra le tante in commercio: da quelle più semplici a quelle di design, fino ad arrivare a quelle gonfiabili o con i personaggi dei cartoni animati.

  5. Questo bambino prima o poi si ammalerà…
  6. Non esiste solo l’abbigliamento o la tenerezza del bagnetto. E’ vero che il latte materno consente al bebè di avere un’enorme quantità di anticorpi, ma prima o poi anche lui (o lei) incapperà nel suo primo raffreddore o nella sua prima tosse. Se volete che i vostri amici vi ringrazino perché consentite loro di dormire notti serene anche quando il piccolo è ammalato… considerate l’idea di andare a conoscere il neonato offrendo in dono un umidificatore. O magari di un buon aerosol. Se vi sembra un regalo sterile, pensate che ce ne sono alcuni che funzionano anche come luce notturna o che hanno le fattezzi di buffi animali (come quelli nella copertina di questo post): insomma, non sono oggetti esclusivamente medici!

  7. In cucina serve qualcosa?
  8. Un criterio per fare un pensiero realmente apprezzato dai neo-genitori è pensare ai cambiamenti di abitudini in ogni stanza della casa. In cucina, per esempio, serviranno con tutta probabilità uno sterilizzatore da micro-onde, un cuocipappa o un thermos per la pappa pronta. Troverete forme e modelli da tutte le tasche, quindi potete sbizzarrirvi ed essere sempre presenti nella vita del bambino alle prese con lo svezzamento!

  9. Per i momenti di baby-relax o per il gioco.
  10. Mano a mano che le settimane passano e il bambino cresce, saranno sempre di più i momenti in cui sarà sveglio, ma in cui ancora non si muove molto. Potete prendere in considerazione l’idea di regalare al neonato una sdraietta, dalla quale osservare il suo piccolo mondo domestico in tutta tranquillità e sicurezza, una giostrina da attaccare sopra il lettino – potrà giocarci quando si sveglia dal pisolino – oppure una baby-palestrina primi mesi, per stimolarlo ad alzare gambe e piedi. I genitori, e non solo i bambini, impareranno ad apprezzare presto tutto ciò che è in grado di intrattenere il piccolo anche solo per 10 minuti…

  11. Per le passeggiate dei primi mesi.
  12. In base alla stagione in cui il bambino nasce potete optare per un pensiero che incoraggi le lunghe camminate di mamma e figlio dei primi mesi: stare fuori è un toccasana per la neo-mamma, che ha l’occasione di scambiare due parole al di là dei temi “latte-cambio-nanna”, e anche per il bebè, che fa il pieno di aria fresca. Cosa regalare allora? Che ne direste di una fascia porta bebè, di un marsupio o di una tutona imbottita comprensiva di mani e piedi? Anche in questo caso, i prezzi sono molto variabili: lasciatevi guidare dalle negozianti e dal vostro gusto personale.

  13. Qualcosa per la mamma?
  14. Evitate di portare in ospedale l’ennesima pianta o, peggio, l’ennesimo bouquet di fiori recisi. Sono ingombranti (specialmente per una mamma al primo figlio, che deve abituarsi a muoversi con il bambino in braccio) e non si sa dove metterli al rientro a casa. Se volete regalare qualcosa a lei, per ripagarla delle fatiche della gravidanza, del parto e per lusingarla un po’, in base al suo carattere, portatele un buon prodotto di profumeria che non le faccia dimenticare di essere donna. Per un po’, è probabile che debba maneggiare solo creme per curare le ragadi… dunque voi portatele magari un buono scrub corpo, una crema idratante super chic, un bagnoschiuma allegro… Come si può vedere, anche in questo caso, idee per tutte le tasche!

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>