Foto_test_gravidanza

Vari tipi di test di gravidanza: da quelli fai da te a quelli scientifici

Se credete di essere incinte è volete scoprirlo affrettandovi con un test di gravidanza, ecco delle delucidazioni sui vari tipi che si effettuano in laboratori di analisi oppure si acquistano nelle farmacie o anche online. Sono comunque tutti mirati alla misurazione delle Beta HCG, o Gonadotropina Corionica Umana, ossia l’ormone di alcune cellule della futura placenta appena l’embrione si installa nelle pareti dell’utero che avviene circa otto giorni dopo la fecondazione.

Test di gravidanza sanguigno: è ordinato dal medico e viene fatto in laboratorio ed il responso in genere si ha in giornata. Può essere qualitativo con risposta negativa oppure positiva; o quantitativo dove è misurata la quantità di HCG stimando anche una presunta data di fecondazione. Il prelievo venoso per rilevare un’eventuale gravidanza, è l’unico metodo certo al 100%.

Test di gravidanza urinario: è quello tradizionalmente acquistabile in farmacia o anche sotto forma di pacchetti online, con costo variabile intorno ai 15 euro. Rivela la presenza dell’ormone HCG attraverso la propria urina, preferibile la prima del mattino perché al risveglio le urine sono più concentrate, è può esser quindi fatto in casa. A sua volta in commercio esistono quelli digitali che anche se effettuati il giorno prima del presunto ritardo dovrebbero riuscire a calcolare di quante settimane si è incinta, e quelli classici con due linee se il responso è positivo oppure semplicemente il risultato è indicato dalla colorazione delle finestre apposite. Entrambi i modelli di stick urinari risulterebbero molto sensibili e affidabili al 99% se fatti correttamente. Va comunque ricordato che sono molti i casi di falsi negativi mentre i falsi positivi sono più improbabili, a meno che non si usino determinati farmaci.

Test di gravidanza salivare: poco conosciuto in Italia anche se è molto pratico e affidabile al 98% e si basa sulla quantità di HCG presente nella saliva. Comunque sia questo tipo di test che quello urinario, richiedono in caso di esito positivo, una conferma attraverso il prelievo del sangue.

Esistono in fine dei test di gravidanza fai da te, ovviamente la veridicità è scarsa rispetto a quelli sopra elencati. Definiti “metodi della nonna” perché tramandati anticamente, vedono la propria creazione attraverso la minuziosa preparazione di piante o estratti di essenze.

Test di gravidanza fai da te con il tarassaco: si tratta di una pianta che cresce nei giardini caratterizzata da fiori gialli e da denti di leone detti anche “soffioni“. Proprio i fiori devono essere privati dallo stelo e dalle foglie per effettuare questo tipo casereccio di test. Una vola fatto ciò, bisogna porre le piante su di un foglio di cellophan poggiato sul terreno e versare sopra l’urina. Se le foglie reagiscono colorandosi di rosso, secondo questo metodo, comunque non comprovato a livello medico, vi è una gravidanza in atto.

Test di gravidanza fai da te con estratto di olio di pino silvestre: bisogna mescolare l’olio e l’urina in una boccetta senza farle reagire, al contrario la miscela formatasi deve restare inerme perché soltanto così vi è la probabilità di una gravidanza.

Test di gravidanza fai da te con la varechina o solventi per la pulizia di casa: si tratta dei “metodi della nonna” meno efficaci, perché sono sostanze che unite all’ ammoniaca dell’urina, a livello scientifico danno per forza una reazione chimica.

Dopo aver letto tutti questi modi anche simpatici, a voi la scelta, basta ricordare sempre che se dopo un ritardo si decide di optare per gli stick urinari e questi continuano a dare valori negativi, è bene riprovare dopo qualche giorno. Se persiste il risultato e il ciclo tarda a venire, bisogna consultare il proprio ginecologo che deciderà se è il caso di prescrivere un test sanguigno o no.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>