foto_pancione

Gravidanza: il peso ti dice se è maschio o femmina

Sarà un maschietto o una femminuccia? E’ questo il primo pensiero che si compie quando si è in dolce attesa. Prima però di fare un’ecografia appropriata che possa svelare come sarà il nascituro, si può già ipotizzare se sarà maschio o femmina grazie ai chili presi durante le prime settimane di gestazione. A sostenere questa tesi è una ricerca americana, condotta qualche mese fa, dalla University of Georgia e pubblicata sulla rivista scientifica Plos One.

Se un tempo le credenze popolari sostenevano che era la forma della pancia a suggerire se il bambino sarebbe stato maschio o femmina, ora pare sia la quantità di chili presi durante la gravidanza a stabilirlo. Prima, dunque, di effettuare la giusta ecografia, possiamo già ipotizzare il sessO del nostro bambino.

La ricerca americana, prima di giungere a questa conclusione, ha condotto esperimenti per circa un ventennio: sono stati analizzati oltre 68 milioni di parti avvenuti negli Stati Uniti negli ultimi 23 anni. Dalle statistiche è venuto fuori che ad un aumento di peso corporeo a termine pari a 8 chilogrammi corrisponde una probabilità di avere concepito un maschio pari al 49%. Quando i chili sono 15 le probabilità salgono al 52.5%. Oltre, quando i chili sono 20, si arriva al 54%.

Il risultato è evidente: se la futura mamma ha assunto più chili durante la gravidanza il bambino che aspetterà sarà sicuramente maschio, se invece non è ingrassata più di tanto si tratterà di una bambina. Secondo quanto riferito dai ricercatori di questo curioso studio il tutto sarebbe riconducibile ad una questione di metabolismo del feto: gli embrioni maschi richiedono maggiore energia e nel caso in cui il peso della madre sia inferiore, nonostante l’attesa di un bambino, allora ci sarebbero condizioni poco ottimali per lo sviluppo del feto.

Al momento questa ricerca non ha trovato alcuna spiegazione certa, ma non è detto che non venga rivista nei prossimi anni. Per il momento, resta uno studio curioso come altri: sapete ad esempio che si può decidere se avere un maschietto o una femminuccia attraverso l’alimentazione? Cliccate qui per scoprire tutto sul metodo del dottor Papa!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>