foto_plasmon

Biscotti Plasmon nel mirino: la petizione del web

Tra i simboli dell’infanzia ci sono sicuramente i biscotti Plasmon. Amati dai bambini di ogni generazione, la ditta alimentare è però ora finita nell’occhio del ciclone. Tutta colpa di una petizione web creata da una mamma preoccupata per i propri figli, la cui richiesta è stata subito seguita anche da altre madri.

Sul famoso sito di petizioni web, Change.org, è apparsa nei giorni scorsi una richiesta di una madre indirizzata alla famosa ditta Plasmon, che produce biscotti e altri prodotti per bambini dall’inizio del secolo scorso. Il motivo? A quanto pare gli ingredienti dei biscotti Plasmon non sarebbero salutari per i nostri figli.

Così comincia la petizione creata da una madre preoccupata per i propri bambini:“I biscotti Plasmon riempiono le dispense delle nostre case da generazioni. Bambine e bambini sono cresciuti mangiandoli felici fin dal sesto mese di vita. E i loro genitori hanno comprato questo prodotto per anni, sempre convinti che fosse la scelta migliore, la più sana e salutare. Ignoravano, però, la presenza di un ingrediente dannoso: l’olio di palma, una scorta per il futuro di alta concentrazione di grassi nel sangue. Oggi circolano molte più informazioni che in passato e non possiamo più permettere che il pericolo di quest’olio venga ignorato”.

“Plasmon è un’azienda italiana, è nata nel 1902 nel paese per eccellenza dell’olio extravergine d’oliva. Perché non usare solo quello, l’ingrediente base della dieta mediterranea, che tutto il mondo ci invidia? Chiedo alla Plasmon di ascoltare la mia richiesta, che è la stessa di molte altre mamme, e di produrre almeno una linea di biscotti che non contengano olio di palma: un ingrediente dannoso, facilmente sostituibile con l’olio d’oliva. I nostri bambini hanno diritto a un’alternativa, concediamogliela” si chiede nella petizione di Change.org, che al momento in cui scriviamo ha già ottenuto 35 mila firme.

Basteranno questi numeri a cambiare il regime della Plasmon? Al momento, nessuno tra i dirigenti ha deciso di replicare a questa petizione, ma non è escluso che lo si faccia in futuro. Ma perché l’olio di palma è così dannoso per i nostri bambini? Cliccate qui per scoprire tutti i rischi di questo tipo d’olio, la cui pericolosità è emersa solo grazie ai nuovi obblighi previsti dal Regolamento Europeo 1169, che costringe i produttori ad indicare in modo chiaro il tipo di olio vegetale utilizzato.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>