Bambini e bugie

Bambini e bugie, con le punizioni diventano Pinocchio

Sempre più Pinocchio se mamma e papà usano il sistema delle punizioni. Secondo l’esperimento fatto alla McGill University di Montreal, in Canada, i bambini hanno la tendenza a collezionare una lunga serie di bugie quando sanno che, se dicessero la verità, sarebbero puniti dai loro genitori per la marachella fatta. Meglio, quindi, cercare strategie alternativi per allevare bimbi sinceri.

I ricercatori hanno studiato il comportamento di bambini fra i 4 e gli 8 anni lasciati da soli in una stanza dopo essersi raccomandati con loro di non voltarsi a guardare un giocattolo sistemato alle loro spalle. Due su tre hanno mentito (ma perché il bambino racconta bugie?) quando successivamente è stato chiesto ai bambini se si fossero girati oppure se avessero rispettato la raccomandazione. I più bugiardi sono stati i bambini più grandi (la tendenza a mentire aumenta di mese in mese), oltre a essere quelli che hanno sostenuto per maggior tempo la loro ‘verità’.

Altro aspetto interessante emerso dall’esperimento è stato scoprire la minore probabilità che i bambini dicessero la verità quando temevano di essere puniti. Quando, invece, ai più piccolini è stato chiesto di essere sinceri soltanto per rendere felice chi glielo stava chiedendo, la sincerità aumentava. Terzo punto: i piccolini tendono a essere sinceri per far piacere agli adulti, i più grandi a seconda che ritengano quale sia il comportamento più corretto da assumere.

“Il concetto di fondo è che le punizioni non favoriscono la sincerità – spiega Victoria Talwar del gruppo di ricercatori canadesi- Questa è un’informazione utile per tutti i genitori di bambini piccoli e per professionisti come gli insegnanti che lavorano con loro e vogliono incoraggiare i bambini ad essere onesti”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>