foto_bambini_smartphone

App dei pediatri: la novità per il pronto soccorso infantile

Si chiama semplicemente ‘Pediatri’ ed è l’App ufficiale della Federazione Italiana Medici Pediatri e del corso “A scuola si cresce sicuri” patrocinato dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e dall’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza. Una sorta di ‘prima emergenza’ per genitori, e non solo, di cui usufruire nelle situazioni più comuni di s.o.s., in casa, a scuola o per strada, quando bisogna intervenire ancora prima che arrivi il 118. Ma l’app è utilizzabile anche per ‘pescare’ consigli utili per la prevenzione.

‘Pediatri’ si presenta come un’app innovativa e facile da consultare. Suddivisa per categorie, catalogabili e messe in evidenza a seconda delle esigenze di ciascuno, descrive i sintomi delle varie malattie pediatriche spiegando come comportarsi nelle specifiche situazioni. Colpi di sole, intossicazioni, piccoli traumi: basterà consultare l’app, che, è bene chiarirlo, non vuole assolutamente sostituirsi a chi pratica un intervento di primo soccorso. Più che altro si presenta come un valido aiuto per le emergenze di minore entità. Dà anche consigli su come preparare una cassettina efficiente di primo soccorso.

Una sezione apposita dell’app è dedicata agli infortuni, così comuni tra i bimbi piccoli, raccolti in schede divise per categorie in cui, oltre ai segni e sintomi, vengono elencate anche le cose da fare e quelle assolutamente da non fare. Il tutto corredato da illustrazioni che rendono l’applicazione anche più chiara.

L’app è provvista da un motore di ricerca interno che ci aiuta a trovare più rapidamente l’argomento che ci interessa di volta in volta.

‘Papà’ di quest’applicazione è Ultraviolet, startup piacentina scelta per la sua realizzazione disponibile per Android e iOS.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>