foto_agopuntura infertilità

Agopuntura contro l’infertilità

Un aiuto oramai riconosciuto all’infertilità di coppia può arrivare dalla medicina tradizionale cinese, più precisamente dall’agopuntura che, secondo studi e ricerche, utilizzata prima e durante il trattamento di fecondazione aumenterebbe le probabilità di restare incinta. Una di queste ricerche è stata pubblicata sul British Medical Journal dopo aver dimostrato come le probabilità di riuscire a intraprendere una gravidanza aumenterebbero del 60%. Ecco perché sono in aumento i Centri di Fecondazione Assistita che offrono un Servizio di Agopuntura o che, comunque, indirizzano la donna verso agopuntori di fiducia.

Le sedute di agopuntura risultano maggiormente valide quando l’infertilità è legata a problematiche ovulatorie della donna oppure quando c’è una forte componente di ansia e di stress.

Solitamente si inizia con una terapia piuttosto massiccia che prevede una seduta a settimana, per poi scemare passando a una ogni 15 giorni o una volta al mese. Si lavora sui punti considerati ‘tipici’ per il trattamento della infertilità, cioè piedi, gambe, mani, addome, orecchie, ma lo specialista può anche personalizzare la terapia individuando altri punti a seconda della pazienta e del suo stato psicofisico.

Nel trattamento con l’agopuntura non vengono utilizzate sostanze che entrano nel corpo dall’esterno, piuttosto si stimolando punti precisi per agire sull’organismo modificando la produzione nel sistema nervoso di ormoni, neurotrasmettitori e altri mediatori fisiologici. Solitamente all’agopuntura si associa un trattamento di fitoterapia tradizionale cinese con una terapia personalizzata.

Si consiglia di portare avanti la terapia almeno per un anno, dopodiché, se non arrivano risultati sostanziali,è opportuno approfondire la diagnosi per capire se l’infertilità è legata, per esempio, alla chiusura delle tube o una malformazione uterina: in quel caso l’agopuntura non sarebbe assolutamente d’aiuto.

Esiste una lista di medici agopuntori registrati e certificati in Italia gestita dalla F.I.S.A. (Federazione Italiana delle Società di Agopuntura), disponibile ondine sul sito www.agopuntura-fisa.it. Di solito le sedute non sono rimborsate dal Servizio Sanitario Nazionale, però per esempio la Toscana ha inserito alcune medicine integrative nei livelli di assistenza individuando centri pubblici dove è possibile ricevere trattamenti di agopuntura e fitoterapia pagando soltanto un ticket sanitario (informazioni su www.medicinaintegrativa.it ).

L’efficacia dell’agopuntura è comprovata anche durante la gravidanza, per il parto e l’allattamento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>