foto_tinta_capelli

Tinture durante l’allattamento: si può?

Si sa, durante l’allattamento ci sono alcuni elementi a cui fare attenzione per far sì che possa garantire una sana nutrizione del neonato, visto che alcune sostanze che vengono a trovarsi nel sangue materno possono riversarsi nel latte ed essere quindi dannose per il bambino. Farmaci, trattamenti estetici e tinture per i capelli devono essere strettamente posti sotto i riflettori.

Ad esempio, proprio durante il puerperiosono assolutamente vietati determinati farmaci o, comunque, di essi deve essere fatto un uso abbastanza limitato e razionale, proprio come descritto dalle ultime linee guida dettate dall’organizzazione mondiale della salute.

Proprio come i farmaci, molti sono i dubbi circa i trattamenti estetici durante l’allattamento, primo fra tutti quello della tintura dei capelli. Le tinte contengono sostanze molto spesso nocive o allergizzanti che potrebbero entrare nella circolazione sistemica: dall’ammoniaca al nichel o al parafenilendiamina.

Nella gravidanza gli esperti sono abbastanza chiari: la tinta è assolutamente da evitare, specialmente nel primo trimestre gestazionale in cui avviene l’organogenesi e, quindi, la formazione e definizione degli organi fetali dei nuovo individuo. Ma cosa bisogna fare durante l’ allattamento?

In questo caso, non esistono evidenze scientifiche che consigliano o sconsigliano in modo assoluto l’utilizzo delle tinture in gravidanza. Ci sono, comunque, delle direttive a cui fare riferimento, soprattutto a scopo precauzionale:

  • Evitare le tinture nei primi tre mesi di allattamento;
  • Far uso di tinte naturali senza nichel, ammoniaca o altre sostanze nocive o di un normale shampoo colorante (anche se la durata non è massima);
  • Se non si sopporta la ricrescita o il colore spento dei capelli, possono essere fatte delle meches o colpi di sole proprio per non far entrare in contatto la cute con queste sostanze potenzialmente tossiche. Anche in questo caso sono da preferire i prodotti naturali;
  • Lasciarsi consigliare dai parrucchieri e, eventualmente, portarsi da casa prodotti di cui si ha la certezza che non creino danni o problemi.
  • Questi sono dei punti di riferimento chiave per capire quale può essere il modo di rispondere alla necessità di colorare i capelli, non dimenticando che soprattutto dopo la gravidanza il capello stesso può avere un diverso modo di reagire a questi trattamenti. E’ sempre opportuno far riferimento al proprio parrucchiere di fiducia e, soprattutto, lasciarsi consigliare dal proprio senso di prudenza.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *