foto_mamma_che_lavora_telelavoro_bambino

Nuovi congedi parentali: tutti gli aggiornamenti

Nel nuovo decreto attuato dalla Jobs Act e approvato dal Consiglio dei Ministri, vi sono delle novità riguardanti i congedi parentali. La nota astensione facoltativa dal lavoro spetta come sappiamo sia alle madri, che ai padri che possono godere di un periodo massimo di 10 mesi di astensione lavorativa.

Le novità per le madri sembrano esser diverse per questo 2015 a partire dal bonus bebè all’assegno dato alle mamme con partita Iva. Ma leggiamo nello specifico i punti salienti per chi richiede il congedo parentale e il congedo di Maternità aggiornando così il testo unico del 2001:

1)Il congedo parentale è prolungato fino ai 12 anni di vita del bambino e non più fino agli 8.
2)L’indennità pari al 30% erogata dall’Inps spetta fino ai 6 anni di età e non più fino ai 3 anni di vita del figlio.
4)Ciascun genitore può optare fra la fruizione giornaliera e quella oraria, quindi potrà scegliere di passare ad un part-time lavorativo del 50%.
5)Estensione congedo paternità a tutti i lavoratori, anche agli autonomi e del settore agricolo.
6)Erogazione indennità per lavoratrici iscritte alla Gestione Separata in caso di adozione nazionale o internazionale, per i 5 mesi successivi all’effettivo ingresso in famiglia del minore.
7)Il congedo di 3 mesi sarà possibile anche per le donne vittime di violenza, con possibile fruizione in part-time sempre del 50%.

L’obiettivo reale di questo decreto è quello riuscire a rilanciare l’occupazione femminile in Italia, che purtroppo è fra gli ultimi Paesi europei per quanto riguarda il numero di Donne Occupate. Le novità sopra elencate saranno però sperimentate solo per l’anno 2015 e sono finanziate con circa 222 milioni di euro provenienti dal fondo di 2,2 milioni di euro previsto dalla Legge di Stabilità proprio per questo anno.

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>