dieta-gravidanza

Gravidanza vegetariana e vegana

La gravidanza, uguale cambiamento. Non solo le donne appena scoprono di “aspettare” cambiano la loro vita: la rivoluzionano letteralmente. Partendo dallo stile di vita, ai medicinali, ai vestiti, cambia anche l’ alimentazione. Le linee guida dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità raccomandano alle donne in gravidanza di non mangiare insaccati, di mangiare carne rossa per il ferro, uova, latticini, pesce ecc… Ma se la donna è vegetariana o vegana, che succede?

Partendo dal presupposto che andrebbe mangiato tutto e poco, nei limiti di quello che si può mangiare, non è vero che, chi sia vegana o vegetariana non può continuare ad esserlo. L’importante è solo sostituire, ad esempio, un alimento che contiene ferro con un altro. Da future mamme vi siete sicuramente chieste: “Come faccio ora ad integrare gli alimenti essendo vegetariana/vegana ora che sono incinta? Posso continuare ad esserlo? Non fa male al bambino?”.

Ebbene no, non fa male, come detto in precedenza, basta semplicemente “sostituire”. Anzi, alcuni studi hanno affermato che la dieta vegetariana o vegana porterebbe ad avere una gravidanza più salutare dell’essere carnivora. Per queste tipo di diete, quindi, è molto importante andare a ricercare vitamine e ferro in quelle che non sono carni.

L’ importante è mangiare grandi quantità giornaliere di frutta e verdura, nello specifico la verdura a foglie verde al vapore che mantiene le vitamine e la frutta che contiene vitamina C. I legumi secchi sono molto importanti per quanto riguarda il ferro e vitamine. Legumi germinati, cereali e olio extra vergine di oliva sono ricchi in vitamina B, ferro e l’olio anche in proteine. Mentre pistacchi, noci e mandorle, oltre ad avere alto contenuto di ferro e vitamina B, contengono anche lo zinco. I vegani che non mangiano nemmeno i derivati, devono solo assumere una dose giornaliera maggiore di legumi.

Bisogna quindi solo variare, cercare negli alimenti la ricchezza di proteine, ferro e vitamine, che facilmente troviamo in molti altri diversi dalla carne o, come nelle vegane, anche dai suoi derivati.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>