foto_ecografia

Gravidanza, gli esami del Secondo Trimestre: quali sono e quando farli

Anche nel secondo trimestre ci sono esami standard da fare nelle gravidanze fisiologiche. Molti di questi sono gli stessi del primo trimestre, e servono al semplice monitoraggio della situazione, altri sono più specifici. Vediamo quali sono e a che servono:

QUANTO PRIMA:

-COMPLESSO TORCH : è lo stesso esame del primo trimestre per verificare toxoplasmosi, rosolia, citomegalovirus ed herpes virus. Va rifatto nel secondo trimestre anche nel caso in cui si sia risultate immuni nel primo. Infatti per l’Herpes e il citomegalovirus potrebbe verificarsi una reinfezione, in quanto non esiste una immunizzazione definitiva, come per la rosolia e il toxoplasma. Inoltre è sempre bene ripeterlo per confermare l’esattezza dei risultati precedenti.

-ESAME DELLE URINE: anche nel secondo trimestre questo controllo è gratuito e prescritto dal ginecologo.

-EMOCROMO CON FORMULA: è importante in questa epoca verificare i livelli di emoglobina e i di ferro, spesso carenti in gravidanza ed escludere condizioni di anemia materna e malnutrizione.

DALLE 16 ALLE 18 SETTIMANE: AMNIOCENTESI. Quest’esame invasivo consiste nel prelievo del liquido amniotico per analizzare il DNA fetale. Non è un esame di routine: viene prescritto dal ginecologo solo in caso di sospetto di malformazioni cromosomiche. Solo in quel caso è gratuito.

DALLE 19 ALLE 22 SETTIMANE: ECOGRAFIA MORFOLOGICA. E’ l’ecografia del secondo trimestre (gratuita) nella quale si osserva con attenzione l’anatomia fetale per escludere la presenza di malformazioni visibili in questa epoca.

DALLE 24 ALLE 28 SETTIMANE: GLICEMIA. A cavallo tra la fine del secondo trimestre e l’inizio del terzo va misurata la glicemia per escludere il diabete gestazionale o farne prevenzione. Spesso è sufficiente un semplice prelievo di sangue, altre volte, un esame più specifico. Ad esempio oltre i 35 anni, in presenza di familiarità per diabete, diabete preesistente o altri fattori di rischio viene prescritta una curva da carico. Questo esame consiste in una serie di prelievi ematici (3 o 5) prima e dopo l’ingestione di glucosio liquido. Serve ad osservare che i tempi di metabolismo del glucosio nel sangue siano regolari.

Durante le visite del secondo trimestre verrete pesate per verificare che il vostro aumento ponderale sia nella norma e vi verrà misurata la pressione arteriosa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>