foto_consiglio_dottore

Gravidanza in età avanzata: quali rischi?

Negli ultimi decenni del XX secolo si è verificata un’ altissima incidenza delle gravidanza in donne in età avanzata, proprio perché differenti stili di vita, la condizione di donna lavoratrice e non solo casalinga ha indotto reali cambiamenti all’ interno della società. Mutazioni che inevitabilmente hanno influenzato anche il mondo dell’ ostetricia.

Si ricerca una stabilità lavorativa e, di conseguenza, una sicurezza economica in un mondo in cui l’ unico stipendio del compagno non è sempre sufficiente. D’ altro canto non è più pensabile l’ idea di una donna che si limiti esclusivamente alla famiglia.

La gravidanza in età avanzata, spesso, è correlata anche all’ alto numero di separazioni e divorzi e alle nascite in contesti delle nuove coppie formate. E’ inevitabile pensare e collegare all’ età avanzata maggiori rischi e problematiche della gestazione, ma di cosa si tratta?

Primipare attempate” è il termine coniato per indicare le donne che vivono il loro primo parto dopo i 35 anni e anche oltre. Da alcuni studi, la gravidanza in età avanzata sembra incidere negativamente esclusivamente su alcune condizioni patologiche ma non su altre.

Ad esempio, i rischi di mortalità perinatale e nascite pretermine non sembrano presentarsi con frequenza maggiore nelle gravidanze over 35. D’ altro canto invece è confermata una un’ alterata tolleranza al glucosio, ipertensione e diabete gestazionale e, quasi inevitabilmente, un altissimo ricorso al taglio cesareo.

Comunque, il rischio più evidente è proprio quello relativo ai problemi genetici, primo fra tutti la trisomia 21 ovvero la Sindrome di Down. Nonostante questo, sono numerosissime tutte le altre alterazioni cromosomiche che si possono verificare.

Ricordiamo, comunque, che la fertilità si riduce notevolmente con l’ età. E’ per questo motivo che si fa sempre più ricorso a tecniche di fecondazione assistita o, meno frequentemente, alle tecniche di congelamento degli ovociti proprio per “preservare” la propria capacità di concepire anche in età più avanzata.

Sicuramente, il corretto andamento della gravidanza dipenderà dai controlli medici e dalle cure avute durante le quaranta settimane. Gli esami genetici preconcezionali aiutano di gran lunga la donna ad acquisire le informazioni adeguate per scelte prudenti e ben ponderate.

In gravidanza è opportuno sottoporsi a periodici controlli al fine di preservare condizioni di salute ottimali.
<
>
In gravidanza è opportuno sottoporsi a periodici controlli al fine di preservare condizioni di salute ottimali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>