foto_vescovi_contro_selfie

Spettacolarizzazione della gravidanza: l’appello dei Vescovi

L’agenzia dei Vescovi, Sir, tuona contro la tendenza dei vip e non solo, di fare foto e video da postare in rete durante la gravidanza, affermando così che: “comunicare le belle notizie è sacrosanto, spettacolarizzare l’intimità un po’ meno“. Vengono perciò rimpianti i lunghi diari scritti dalle madri che un tempo vivevano la gestazione con riserbo riempiendo lunghe pagine di carta e non come invece avviene oggi con selfie delle proprie pance che crescono ogni mese da mettere sui social.

Il Sir fa un’ampia disamina sul fenomeno di spettacolarizzazione e si chiede: “Ma è proprio così necessario condividere tutto tutto con tutti tutti? Anche le foto in tempo reale dalla sala parto?“. Ecco quindi che anche il cantante Robbie Williams, viene citato e criticato dai Vescovi per aver partecipato con esibizionismo al parto della moglie.

La gravidanza quindi deve essere vissuta con intimità perché è un mistero degno di discrezione, oggi invece, sin delle prima ecografia, viene mostrato al mondo un piccolo puntino che è il frutto dell’amore della coppia, per proseguire poi con l’evoluzione progressiva della pancia della mamma.

L’agenzia dei Vescovi ricorda pure come molte madri vip ormai sfruttino la tendenza di apparire nude con il pancione su molte riviste per mostrarsi sempre toniche e belle anche in gravidanza. Con un tweet e con hashtag a scelta tra #misisonorotteleacque e #epiduralesubito il Sir conclude che dopo manco un minuto dalla nascita, le foto del bambino sono già in rete, pubblicate per esser servite al mondo. I Vescovi sostengono poi che per una nascita le emozioni sono egualmente assicurate anche se non corrono sui social network, forse però ignorano che ormai siamo figli di una generazione che preferisce mostrarsi al mondo per apparire più che per essere. E voi che ne pensate: siete d’accordo con quanto dicono i Vescovi?

<
>

L’autore: Claudia Spedaliere

Sono laureata in Arti e scienze dello spettacolo Teatrale dell’Università “La Sapienza”. Mi occupo di teatro recitando in diverse compagnie, e da quando sono madre amo raccontare ciò che vivo con il mio bimbo studiando scrupolosamente e “rubando” i racconti delle mie amiche madri per poi trascriverne il contenuto. Approdo al Blog con la voglia di creare confronti fra genitrici proprio come si farebbe su di una panchina di un parco.
Email: c.spedaliere@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *