foto_mamma_e_neonato_allattato_al_seno

Nessuno tocchi mio figlio: quando l’ansia per il neonato è troppa

Molte mamme, soprattutto appena diventano tali, vivono con eccessiva ansia il contatto che le altre persone hanno con il loro piccolo. Come mai? Potrebbe essere definita la “sindrome della leonessa” proprio perché la mamma si comporta come la femmina del leone che difende intensamente i suoi cuccioli anche mettendo a rischio la propria vita.

Molte volte chi vive vicino ad una coppia che ha appena avuto un figlio rischia di essere troppo invadente scatenando questa manifestazione. I parenti prendono in braccio il piccolo, lo sbaciucchiano, lo toccano in viso e questo comportamento può dare enormemente fastidio.

Inoltre divengono dispensatori di consigli e di libere interpretazioni mettendo da parte colei che invece è la principale esperta del proprio cucciolo: la mamma che lo conosce come nessuno e ha bisogno solo di un po di tempo per entrare in sintonia con lui.

Fino ad un certo punto si tratta di una sana gelosia che può riguardare il timore che il piccolo possa ammalarsi, infastidirsi o soffrire del distacco ma a volte dietro l’eccessiva preoccupazione della mamma potrebbe esserci una sua eccessiva insicurezza
In alcuni casi quest’ansia è accompagnata da malessere generale o da attacchi di panico.

In questo caso è fondamentale rivolgersi ad un esperto per promuovere il dialogo e la collaborazione con il partner che può essere un valido sostegno alla diade mamma-neonato facendo riacquistare quel senso di sicurezza grazie al suo paterno accudimento…già! Perchè anche la mamma seppur leonessa ha bisogno del suo apporto per affrontare un momento così delicato ed in tre può risultare più semplice!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>