foto_mamma_figlio_pc

Genitori single: un nuovo social network tutto per loro

Si chiama “Gengle”, titolo coniato dalla fusione di “GENitori siNGLE” ed è un nuovo social-network gratuito che in Italia ha già trovato milioni di adesioni. Ragazze madri, vedovi e vedove con figli, genitori separati o divorziati hanno subito apprezzato l’idea di una rete sociale creata per loro, allo scopo di condividere momenti ed eventi della propria città per intrecciare relazioni per sé e per i propri figli.

L’intuizione questa volta è venuta a Giuditta Passotto, mamma single di 34 anni. “L’estate scorsa all’acqua park ero da sola con i miei due figli di 3 e 8 anni e il più grande mi ha chiesto di accompagnarlo sugli scivoli. Non sapevo come fare con il piccolo, allora ho chiesto aiuto ad un’altra mamma sola” – racconta Giuditta, che da qui ha avuto l’idea di creare una rete per genitori single dove potersi scambiare aiuti pratici, consigli o solamente combattere la solitudine. “Un modo per incontrarsi e far incontrare i nostri figli” spiega Giuditta, che nella vita fa il direttore creativo ed ha un master in social marketing.

L’iscrizione alla rete è gratuita e senza limiti di età o status. I profili sono organizzati per gruppi in base alla città di residenza. La community di Firenze, dove vive Giuditta, conta già 1200 iscritti in pochi mesi. Su Gengle si condividono con altri genitori pensieri e momenti vissuti con i propri figli, ma soprattutto si organizzano eventi dove gli incontri possano divenire reali.

“C’è chi organizza una gita allo zoo, chi apre la casa per la festa di compleanno del figlio” spiega l’ideatrice, oppure situazioni più semplici come fare i compiti assieme, organizzarsi a turno per guardare i figli delle altre mamme in orari di lavoro, andare al cinema. Ecco perché la divisione in community cittadine, allo scopo di gestire più facilmente gli incontri. Ma nulla vieta la possibilità di conoscere persone di altre città e magari organizzare piacevoli fine settimana fuori.

Insomma nel difficile mondo dei genitori single ecco una buona occasione per unire le energie e aiutarsi a vicenda, risparmiare soldi in doposcuola e baby-sitter, favorire la socializzazione dei figli e, perché no, magari allargando il giro di amicizie avere più possibilità di incontrare di nuovo qualcuno di speciale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>