foto_frasi_da_non_dire

Donne incinte: 10 frasi che Lui non dovrebbe mai dire

In gravidanza, è vero, gli ormoni ci rendono particolarmente suscettibili. Ma è anche vero che per cause a tutt’oggi ignote una donna incinta attira su di sè commenti sciocchi come il nettare attira le api. Ci vuole pazienza e self control anche per questo, il mondo si sa è pieno di idioti. Ma quando l’idiota che fa commenti stupidi di giorno è lo stesso che di notte ti dorme beatamente accanto russando, la faccenda diventa particolarmente stressante.

Gli uomini sono tanto cari quando vogliono, e dato che comunque sono esseri generati da noi donne, non possiamo che amarli nonostante tutto. Ma c’è da dire che in quanto a tatto non sono esattamente dei campioni. Ecco la top teen delle frasi che gli uomini pronunciano spesso senza pensare quando la compagna è incinta, e che invece non dovrebbero mai dire:

1) “Incinta? Ma com’è successo?”. Superfluo commentare. Si presuppone che ogni uomo che è in grado di diventare padre dovrebbe già sapere come succede. Ma potete sempre raccontargli di nuovo la storia dell’impollinazione.

2) “Finalmente, pesavo fossi sterile!” (variante) “Finalmente! stavi diventando vecchia” (variante) “Finalmente!” .Tendenzialmente tutte le affermazioni che cominciano con “finalmente” sono il preludio di una frase inopportuna, ma anche solo “finalmente” può bastare a urtare la sensibilità in certi casi. E’ come rinfacciarle di avervi fatto aspettare. Come se non dipendesse da altri che da lei.

3) “Di nuovo incinta? Un’ altra bocca da sfamare!”. Capisco che un figlio porti degli squilibri nell’economia familiare, ma messa così è un po’ come pensare che la vostra compagna sia uscita incinta da sola. In fondo c’eravate anche voi.

4)“Sei sicura che è mio?” . Premesso che se lo sta dicendo a te vuol dire che ne è sicura o quantomeno pensa che sia il tuo, oppure vuole farti credere che è tuo. In tutti è tre i casi la risposta sarebbe sempre “si, certo!”. Quindi è una domanda retorica abbastanza stupida. Ma c’è anche da dire che se il dubbio è legittimo vuol dire che sospettate di essere cornuti. E se con questo sospetto siete ancora lì a far finta di niente questo è un po’ patetico. Se il dubbio non è legittimo invece, allora siete stati molto offensivi gratuitamente, e questo è un po’ meschino. Molti uomini oggi anche in Italia scelgono di fare i test di paternità e solo 1 su 3 è illegittimo. Quindi, poiché avete più del 50% di probabilità di fare una figuraccia, almeno trovate un modo e un momento più adatto per chiederlo.

5) “E ora come farai con il lavoro?”. Non lo sa, non glielo chiedete. Non gliene importa nulla adesso. Ha appena scoperto che una vita gli sta nascendo dentro. Avete idea di come questo scombussoli tutto nella mente e nel corpo, e di come cambi le priorità? Il lavoro ora è l’ultimo dei suoi pensieri. Inoltre la domanda è abbastanza irritante perché è come se le sue entrate economiche vi interessino più di vostro figlio. In ogni caso, state tranquilli, esistono i congedi di maternità ed i vaucher baby sitter.

6) “Non ti preoccupare da oggi penso a tutto io”. Questa è una frase che appartiene agli uomini agli antipodi di quelli precedentemente descritti. Non è da criticare la frase in sé per sé, quanto le aspettative che crea intorno. Non fate promesse che non potete mantenere, soprattutto adesso che lei avrà davvero bisogno di voi e conterà sulle vostre offerte d’aiuto.

7) “Balenottera, Panzona mia, Ballon” (in versione francese). Lo so che per voi sono vezzeggiativi affettuosi. Ma durante una piena tempesta ormonale, quando tra le tue paure più grandi c’è anche quella di non essere più attraente per tuo marito, e solo tu dei due stai rischiando di perdere la forma fisica per fare qualcosa che è di entrambi… credetemi, non è il caso fare allusioni al fisico.

8) “Stai diventando isterica/paranoica/insopportabile”. Anche gli sbalzi d’umore fanno parte della gravidanza e non sono controllabili. E se anche fosse vero che è insopportabile, voi sopportate. Come lei sta sopportando di trasportare nella sua pancia 9 kg in più, mal di schiena, insonnia, problemi digestivi e quant’altro, per VOSTRO figlio.

9)“Speriamo che sia maschio”. E se è femmina che succede? D’accordo ,tutti sperano inconsciamente nell’uno o nell’altro, ma fare questa confessione al partner è come dire che potreste rimanere delusi se non è quello che speravate. In epoca pre-concezionale se siete entrambi d’accordo sul volere un maschio o una femmina potete provare con il metodo del dottor Papa, ma adesso è un po’ tardi per sperare.

10) “Il parto, non può fare così male, mia mamma ne ha fatti 4 da sola, è una cosa Naturale”. Questa frase non funziona per tranquillizzarla, perché anche il ciclo è una cosa naturale, ma chi ha un ciclo doloroso sa bene che anche la natura può essere molto cattiva. E poi è come se in sotto testo le stiate dicendo che è esagerata/paranoica/insopportabile (vedi punto 8). Due errori in uno. E in linea generale, che sia in cucina o in sala parto, i paragoni con la mamma andrebbero sempre evitati.

Oltretutto, gli esperimenti condotti sugli uomini e le loro reazioni alle contrazioni simulate con un elettrostimolatore hanno dato risultati concreti che fanno molto ridere associati a questa frase.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>