foto_costumi da Carnevale

Costumi per Carnevale fai da te: unici e anti-crisi!

La festa più colorata del calendario è alle porte e bisogna scegliere il costume per il nostro bambino. Inutile dire che in commercio ne esistono di tutti i tipi (mio figlio ha scelto un orribilante Tirannosaurus Rex che lui continua a chiamare drago), ma se abbiamo un po’ di tempo, un pizzico di pazienza e tanta creatività riusciremo a confezionare simpatici travestimenti direttamente a casa nostra. Costumi low cost e senza dubbio originali (un po’ come nel caso della calza della Befana)! Ecco quale idea.

Partiamo dal ragno, per esempio, che potrebbe essere una simpatica idea. Bisogna ‘armarsi’ di quattro calze nere (i calzini lunghi del papà andranno benissimo) che fungeranno da zampe (le restanti due saranno le braccia del bimbo) e riempirne ciascuna con diverse buste di plastica (per esempio quelle che usiamo per gettare l’organico). Quindi stendiamo sul tavolo una maglietta nera a maniche lunghe, poggiamo le calze ‘ripiene’ su ciascuno dei due lati così da misurare la distanza delle zampe del ragno e attacchiamole alla maglia facendo più giri di scotch rigorosamente nero (di quello doppio).

Con un filo nero, anche questo di una certa consistenza, fissiamo tra loro le zampe in modo che, muovendo le braccia, si muoveranno anche le quattro calze dando l’impressione che l’animaletto cammini. Il costume sarà completato da un berretto nero sul quale attaccheremo un bel paio di occhietti vispi. Il vostro ragnetto ‘handmade’ è pronto per spaventare in giro!

Volete un costume più ‘rurale’? E allora prepariamo quello da spaventapasseri usando semplici sacchi di juta. Nel primo sacco realizziamo un buco per inserire la testa e attacchiamo (possiamo usare la spillatrice) tanti pezzi di stoffa colorata. Prendiamo un secondo sacco di juta, tagliamolo a metà e cuciamole: saranno le gambe dello spaventapasseri. Quindi scegliamo una maglietta ‘intonata’ alla maschera e un bel paio di stivali di gomma sui quali infileremo le due gambe. Manca il cappello: possiamo farlo con del cartoncino oppure usarne uno di paglia.

La nostra bimba vuole travestirsi da coccinella?Detto, fatto: ci pensa la sua mamma creativa. Per realizzare la mantellina prendiamo un grande pezzo di feltro rosso e pieghiamolo a metà, disegniamo la metà di un cuore sul feltro con il gesso facendo in modo che la parte centrale del cuore sia rivolto verso la piega sul tessuto. A questo punto tagliamo il cuore lungo la linea di gesso e avremo la forma delle ali della coccinella.

Muniamoci di colla a caldo e incolliamo alla base del cuore un nastrino nero per legare la mantella intorno al collo del bambino (ricordiamo di lasciare da entrambi i lati una certa lunghezza di nastrino che servirà proprio per legarlo). Con il feltro nero realizziamo altri cuori oppure dei pallini da incollare sulle ali. Mancano le antennine: possiamo attaccare al centro di un cerchietto uno scovolino piegato a metà decorandone le estremità con i pon pon.

Un’altra idea molto tenera, pensata soprattutto per i bebè, è la maschera da polipo. Usiamo delle lunghe calze tutte diverse tra loro per realizzare i tentacoli e riempiamole di ovatta; cuciamo la parte finale di ciascuna calza in modo che finiscano a punta. Su ogni ‘tentacolo’ attacchiamo dei bottoni che saranno le ventose. Cuciamo le calze a a una striscia di stoffa da legare alla vita del nostro bambino. Per la testa del polipo usiamo un cappellino di lana, cuciamo due cerchi di stoffa bianca su cui attaccare due bottoni grandi che saranno gli occhi del polpo.

Non resta che augurare buon divertimento, a voi mamme e ai vostri piccoli!

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>