Ciuccio Hi-tech: nuovo strumento per genitori 2.0

Vi siete distratte solo un attimino e non riuscite più a trovare il vostro pargoletto nel giardino di casa o nel parco? Niente paura: per localizzare in men che non si dica il baby fuggitivo viene in nostro aiuto Pacif-i Smart Pacifier, il primo ‘ciuccio smart al mondo provvisto di sistema Bluetooth che tramite un’App lo collega allo smartphone di mamma e papà. Quando si dice che la tecnologia compie passi da gigante…

Questo particolarissimo succhiotto, prodotto da Blue Maestro, in realtà nasce per aiutare i genitori 2.0 ad affrontare un altro momento che può rivelarsi estremamente difficile: misurare la febbre al proprio bimbo influenzato. Oramai lei ha provate di tutti i colori, ma nemmeno il termometro digitale più veloce al mondo riesce nell’impresa. Ci pensa Pacif-i che permette di misurare senza intoppi la temperatura corporea del piccino e di inviare i dati sullo smartphone di papà e mamma che in questo modo potranno tenere la febbre sempre sotto controllo attraverso una serie di grafici.

Il bambino non dovrà fare altro che mantenere il ciuccio in bocca: nella tettarella in silicone c’è un chip Bluethooth che invierà la temperatura allo smartphone su cui è installata l’app di Pacif-i (che sarà disponibile sia per IOS che per Android).

Altra funzione di questo ciuccio speciale è quella di inviare sullo smartphone le coordinate della sua posizione nel caso in cui il bimbetto dovesse allontanarsi più di 30 metri: l’app informerà immediatamente i genitori.

Come ogni normale succhiotto, anche questo può essere disinfettato ma la batteria non può essere sostituita. A ogni modo dovrebbe durare tra i 12 e i 18 mesi.

Pacif-i Smart Pacifier sarà disponibile dalla prossima primavera al costo di 30 euro. E’ possibile preordinarlo direttamente sul sito dell’azienda.

Arriva il ciuccio smart collegabile allo smartphone Il ciuccio Pacif-i comunica attraverso un'app Il ciuccio disponibile in colori diversi
<
>
Arriva il ciuccio smart collegabile allo smartphone

L’autore: Rita Recchia

Giornalista per caso e mamma per scelta, da oltre dieci anni mi diletto con la scrittura collaborando con quotidiani della provincia di Latina, emittenti tv e siti web. Poi, nel 2012, lo ‘scoop’ della mia vita, mio figlio Francesco, oramai la mia principale fonte d’ispirazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *