fotobimbo_crescita

Bimbo immaturo: cosa significa?

Non esiste solo la definizione bimbo prematuro, che indica il bimbo nato pretermine, ma esiste anche la dicitura bimbo immaturo che indica il bimbo che nasce sottopeso. Quindi il bimbo è nato al termine naturale della gravidanza, ma semmai ha problemi di peso e di crescita. Molti bimbi prematuri sono anche piccoli, ma non sempre le due cose sono legate.

Per seguire meglio la crescita del nostro bambino anche in pancia, ci sono dei segnali che il nostro corpo ci manda, oltre ai controlli regolari da fare dai medici competenti, come sempre.

Abbiamo già parlato di come mangiare e comportarsi in gravidanza, per evitare di ingrassare troppo. Ma neanche bisogna trascurare tutte le proteine e i valori nutritivi di cui il nostro bambino, totalmente dipendente da noi in pancia per il cibo, ha bisogno.

Per esempio si sa che il ferro è quello che manca molto spesso alle donne in gravidanza; invece di prenderlo in pastiglie e molto meglio sempre alimentarsi con i cibi giusti che contengono tali sostanze. Il ferro per esempio c’è nelle verdure, nella carne rossa, nel tuorlo d’uovo e anche nei succhi di ribes e mirtillo.

Mai mangiare latticini (per il calcio) e alimenti che contengono ferro nello stesso pasto, perché il calcio annulla l’assorbimento del ferro. E si sa che anche di tanto calcio ha bisogno il feto per formare le sue nuova ossa.

Oppure è importante il magnesio che serve per il funzionamento del nostro cuore e fegato e quindi anche per quello del nostro bambino che si sta formando e che si trova nelle leguminose, nei cereali come l’avena, negli spinaci e nei broccoli.

Seguite sempre le indicazioni del vostro medico, in base ai parametri dei vostri esami del sangue, su quello di cui dovete più cibarvi a seconda delle vostre possibili carenze di vitamine o altro.

Ci sono donne in gravidanza che hanno sempre fame e che quindi non avranno difficoltà a mangiare per due ;) o comunque a mangiare bene, specie nel secondo trimestre quando le nausee svaniscono e ritorna l’appetito. Ma ci sono anche future mamme che invece non hanno più fame del solito, beate loro, ma questo non significa che non devono stare attente a quello che mangiano.

Questo articolo mi è stato suggerito dalla storia di una mamma che in gravidanza non si cucinava mai quando era da sola a casa, mangiava quel che aveva a casa, e che per questo è stata ripresa dal suo dottore, perché il bambino non cresceva il giusto in pancia, e rischiava di nascere immaturo.

La vita che sta nascendo dentro di noi ha bisogno di tante cose che solo noi possiamo dargli, dato il legame “diretto” che abbiamo con lui tramite il cordone ombelicale. Tutto passa da noi al nostro bambino, anche le emozioni: lo stress per esempio può dare al bambino anche disturbi funzionali una volta nato.

Quindi sì, a sorridi e cibo sano, vita di qualità più che di quantità, anche nelle porzioni di cibo!

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>