foto_bambino_svezzamento

Svezzamento: il periodo migliore per imparare ad apprezzare le verdure

Bambini e verdure: un rapporto difficile e controverso. Come è risaputo i nostri figli non amano troppo le verdure, che però sono importantissime per la loro alimentazione. Risolvere il problema sembra arduo? Se curarlo risulta difficile, da oggi sembra sia fattibile prevenire il male alla radice. Lo spiegano alcuni ricercatori inglesi che hanno portato avanti uno studio importante secondo il quale il passato di verdura nella fase di svezzamento aiuterebbe i bambini ad apprezzare maggiormente le verdure quando saranno un pò più grandi.

Fonte d’ispirazione per la ricerca sono state le mamme francesi che da diversi anni introducono le prime pappe di svezzamento, ovvero creme di riso e creme di cereali, condendole con un pò di passato di verdure. E’ stato così condotto uno studio su 36 bambini con più di sei mesi: una parte di loro sono stati alimentati per 12 giorni con latte e pappe di riso in bianco, mentre alll’altra metà del gruppo negli stessi giorni sono stati somministrati latte e pappe di riso con passato di verdure.

Nei successivi 11 giorni a entrambi i gruppi è stata offerta ogni giorno purea di verdure: ed è qui che la differenza di consumo è stata osservata, spiegano i ricercatori, sottolineando che i bambini che nei giorni precedenti avevano consumato il passato di verdure erano molto più propensi a continuare a cibarsene rispetto ai coetanei che non ne avevano mangiato.

Uno studio importante che dimostra quanto si possa creare una cultura del buon cibo, che non può che migliora la vita dei nostri bambini. Volete cominciare subito a modificare lo svezzamento del vostro bambino? Provate la ricetta di passato di verdura della nostra Ilaria!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>