foto_studenti_contro_michelle_obama

Studenti contro Michelle Obama per colpa della sua battaglia salutista

A partire dal 2012 Michelle Obama, la moglie del presidente degli Stati Uniti Barack Obama, ha lanciato la sua iniziativa “Let’s Move!” con lo scopo di invogliare gli americani a mangiare meglio e fare più attività fisica. Una vera e propria rivoluzione culturale quella iniziata dalla first lady, se pensiamo che l’America è il Paese con la maggior percentuale di bambini obesi, circa un bambino su tre.

Come la stessa Michelle Obama sottolinea, il problema dell’obesità infantile è complesso e produce serie conseguenze sia dal punto di vista della salute che economico, in quanto gli Stati Uniti dovranno spendere sempre più soldi per curare le malattie collegate a questa condizione fisica. Per questo motivo dal 2012 la campagna di Michelle Obama “Let’s Move!” ha cercato di invertire la marcia e guidare i bambini e le loro famiglie verso un’alimentazione più sana ed equilibrata, e un maggiore svolgimento di attività fisica.

I risultati sembrano incoraggianti, in quanto recenti statistiche hanno riportato una diminuzione dell’obesità tra i bambini americani dai 2 ai 5 anni, scesa dal 14 all’8%. Un dato sicuramente incoraggiante, anche se il lavoro da fare è ancora molto, soprattutto a livello culturale, come ha commentato la first lady.

Tuttavia in questi giorni un fatto negativo ha scosso la campagna salutista di Michelle Obama, con commenti anche molto feroci e negativi. Si tratta di una rivolta nata nel web contro l’imposizione di cibi sani nelle mense scolastiche voluta da Michelle.

Sui social media è infatti comparso l’hashtag #ThanksMichelleObama, dove i ragazzi protestano contro i nuovi pasti scolastici voluti dalla first lady. Si tratta di commenti per lo più sarcastici, alcuni anche cattivi, accompagnati da foto di vassoi scolastici con porzioni di cibo definito molliccio, pane integrale rinsecchito e dolci ammuffiti.

Una grande sconfitta della campagna salutista di Michelle Obama questa, se si pensa che i commenti si fanno sempre più numerosi ogni giorno. I ragazzi non apprezzano i nuovi menù salutisti proposti da Michelle e chiedono a gran voce di tornare ai vecchi pasti.

Come e se reagirà Michelle Obama, questo è ancora da vedere. Personalmente non credo che questi commenti su Internet riusciranno a farla desistere dal portare avanti la sua campagna a favore di una dieta migliore. Mangiare meglio è fondamentale per il benessere di un’intera nazione, tuttavia la vera sfida è quella di riuscire a far apprezzare una dieta equilibrata attraverso ricette semplice e gustose che non mortifichino il gusto, e in questo la dieta italiana può sicuramente venirle in aiuto!

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>