foto_importanza_di_rispettare_tempi_dei_bambini

L’importanza di rispettare i tempi di ciascun bambino

Chi è mamma lo sa bene, già a partire dalla gravidanza per poi scatenarsi una volta che il piccolo è nato, sembra che conoscenti, amici, gente con o senza figli si diverta a chiedere in continuazione domande sui progressi dei bambini, il più delle volte includendo consigli improbabili e non richiesti. Gli esperti però rassicurano, ogni bambino è unico e bisogna rispettare la sua unicità e, di conseguenza, i suoi tempi.

Quante volte le mamme di bambini piccoli hanno sentito frasi del tipo: “Tuo figlio cammina già? Parla già? Mio figlio/cugino/nipote a quell’età già correvano per casa e non stavano mai zitti!” Queste frasi sicuramente fanno sorridere chi le sente per la prima volta ma possono anche far innervosire una mamma il cui figlio non sembra così precoce come quello di altri.

Da mamma di un bambino di 13 mesi posso dire che questo tipo di conversazioni mi danno a noia, soprattutto se vengono dette da altre mamme con il solo scopo di vantare il proprio figlio. L’infanzia infatti non è una gara a chi cammina, parla e legge prima, e, come rassicurano gli esperti, ciascun bambino ha i propri tempi che vanno rispettati.

Trovo ridicolo ridurre il periodo dello sviluppo a una gara portata avanti tra mamme a quale bambino sia più precoce nell’affrontare le diverse tappe dello sviluppo, dal togliere il ciuccio, il pannolino, il biberon, a dormire da soli nel proprio letto.

Maria Montessori, la grandissima pedagogista fondatrice del Metodo Montessoriano, metteva in guardia i genitori e insegnanti sull’importanza di rispettare sempre le fasi di crescita di un bambino raccomandando di non anticipare i loro tempi. Anche la pedagogia steineriana attribuisce una grande importanza al rispetto dei tempi e dell’unicità dei bambini per farli crescere felici e in grado di affrontare le sfide dell’evoluzione.

Quando il piccolo è appena nato i genitori rischiano di cadere nell’ansia per paura che la sua crescita non rispetti i tempi, nonostante le rassicurazioni degli esperti. E’ importante che i genitori comprendano questo concetto in quanto, man mano che i figli crescono, il rischio è quello che trasmettano la propria ansia anche al bambino, facendolo diventare vittima di stress da prestazione!

I genitori si devono ricordare che l’infanzia è il periodo più giocoso e sereno della vita di ogni bambino e ciascuno ha diritto di viverlo nel rispetto dei suoi tempi!

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>