foto_Tagesmutter2_tedesca

Il Tagesmutter: mamma di giorno, cos’è?

Continuiamo a parlare di strutture alternative per l’educazione del nostri bambini: scopriamo cos’è il tagesmutter. Dopo aver raccontato dei baby parking e degli asili by night, e dell’homeschooling, c’è il tagermutter: l’asilo in casa, fatto e gestito da mamme.

Un’idea che viene dal Nord Europa e che per questo forse in Italia ha preso piede all’inizio nelle regioni del Nord come il Trentino. Quando uno diventa mamma cosa vorrebbe fare? Poter continuare a lavorare ma non lasciare il suo bambino. Ebbene una tagesmutter può farlo, aprendo un asilo nido (per bambini da 3 a 36 mesi) a casa sua per i suoi figli e altri bambini, a seconda della grandezza della sua casa, venendo incontro alle sue e anche alle esigenze dei genitori dei bambini “che ospita”.

Questo è il tagesmutter, letteralmente mamma di giorno, perché l’educatrice e mamma che gestisce l’asilo in casa diventa la mamma durante il giorno per i bambini a lei affidati, fino a quando la sua mamma vera viene a prenderli tornando da lavoro.

Anche per queste realtà la legislazione italiana non è unica in tutto il paese, le regole per aprire un tagesmutter cambiano da regione a regione: per numero di bambini max permessi, grandezza degli spazi, titoli che le mamme/educatrici devono avere (la laurea o anche corsi professionali con tirocinio che diverse regioni stanno facendo partire apposta).

Ma è una realtà che si sta diffondendo sempre più, dal Nord al Sud d’Italia, tra le mamme educatrici che vogliono tornare a lavorare (semmai lavoravano proprio in un nido), senza dover abbandonare i loro bambini in altri nidi. E’ un controsenso, no? Così invece le mamme, con l’asilo a casa propria, possono continuare ad essere educatrici dei propri figli e tornare al lavoro, fare le due cose insieme.

Ma importanti sono i vantaggi per i bambini da questa nuova possibile sistemazione: un ambiente più familiare, così il trauma del passaggio da casa a nido è sicuramente meno percepito. La maggiore cura che sicuramente riceverà nostro figlio in una struttura con meno bambini e in cui l’educatrice è mamma come noi.

E vantaggi enormi anche per i genitori: maggiore flessibilità negli orari e un rapporto più diretto e partecipativo (i genitori possono partecipare anche alle attività didattiche) rispetto all’istituzione scolastica tradizionale, il tagesmutter è come avere una tata personale senza doverne pagare da soli il costo. L’inserimento nel nido a casa può essere fatto in qualsiasi momento dell’anno, senza liste d’attesa ed altro. E la possibilità di interfacciarsi con l’educatrice del proprio bambino per ogni problematica aiuterà qualsiasi mamma anche a superare i fantomatici sensi di colpa per essere dovuta tornare al lavoro fuori casa.

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>