foto_mamma_figlio

Resuscita dopo il parto: l’incredibile storia di Ruby

A volte i miracoli accadono. Ne sa qualcosa Ruby Graupera-Cassimirio che si è trovata, suo malgrado, protagonista di una storia alquanto assurda eppure vera. La donna, 40enne americana, sembrava deceduta dopo aver dato alla luce il suo terzo figlio, ma dopo alcuni attimi di panico, è tornata in vita. La resurrezione esiste per davvero?

La vicenda risale allo scorso settembre, quando Ruby era stata ricoverata presso il Boca Baton Regional Hospital, in Florida, per partorire la sua bambina. Dopo il parto cesareo, la donna sembrava stare bene quando improvvisamente è svenuta. A quanto pare Ruby è stata vittima di una rara condizione chiamata “embolia del fluido amniotico”, che si verifica con perdite del fluido nel flusso sanguigno che provoca la formazione di coaguli del sangue, portando quindi all’arresto cardiaco.

I medici della struttura ospedaliera hanno tentato di rianimare Ruby, invano. Il cuore della donna si era fermato per 45 minuti e si era pronti a comunicare il decesso ai parenti, quando poi è avvenuto l’incredibile. Il cuore ha ricominciato a battere, Ruby era praticamente resuscitata. Una storia incredibile dai contorni fantasiosi, alla quale anche il personale medico ha assistito con grossa incredulità per poi dichiarare ufficialmente: “Quanto avvenuto è stato un vero e proprio miracolo”.

Non solo la donna non è morta, ma non ha neppure avuto o danni cerebrali o ripercussioni sul proprio fisico. In questi giorni Ruby è tornata in ospedale per ringraziare del supporto tutto lo staff medico e così la notizia è venuta a galla, conquistando in breve tempo tutti i media internazionali. Questo il commento entusiastico della signora: “Io non so perché mi è stata data questa opportunità, ma sono molto grata per questo”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>