foto_respirazione_rebirthing

La respirazione rebirthing applicata ai bambini: tutto quello da sapere

Il rebirthing è una terapia alternativa indicata per raggiungere il benessere e intraprendere un cammino di crescita personale, utile per conoscere meglio sé stessi. Praticare il rebirthing contribuisce a creare benessere emotivo, psicologico e fisico. Questa tecnica viene anche applicata con successo ai bambini, indirizzati dai genitori alla pratica del rebirthing nella speranza di trovare la soluzione a un problema specifico. In questo articolo cercheremo di capire meglio in cosa consiste questa pratica e quali vantaggi può comportare.

Il rebirthing viene descritto come un metodo di crescita personale basato sull’utilizzo del respiro. A differenza di altri metodi come lo yoga, nel rebirthing la respirazione avviene senza pause e ritenzione del respiro. In questo modo, eliminando le pause si creerebbe una respirazione che carica l’organismo di energia vitale e di ossigeno.

Il rebirthing può essere praticato con successo anche ai bambini, in quanto aiuta a risolvere problemi come l’enuresi notturna, agitazione fisica, comportamento violento, difficoltà di concentrazione e molti altri disturbi. Le sedute di rebirthing con un bambino durano circa un’ora e sono costituite da una prima parte ludica utile per costruire una relazione con il rebirther a cui fa seguito la pratica della respirazione vera e propria.

Il rebirthing offre ottimi risultati con i bambini in quanto la loro spontaneità favorisce il contatto con l’energia e lo sblocco di eventuali tensioni in modo più facile rispetto a quanto succede per gli adulti. Inoltre essendo trascorso poco tempo dalla loro nascita è facile che nei bambini emergano ricordi legati a questa esperienza, come ha raccontato una bambina di cinque anni durante una seduta. La piccola narrò di sensazioni piacevoli e di una visione, successivamente disegnata, di una luce che le entrava nel cuore e nei polmoni.

I successi della pratica del rebirthing applicata ai bambini sono numerosi, per la maggior parte dei casi sono sufficienti poche sedute per ottenere un rapido miglioramento semplicemente facendoli respirare, ascoltando il resoconto delle loro esperienze e relazionandosi con essi.

La respirazione rebirthing può essere applicata a già a partire dai tre-quattro anni, anche se ovviamente quando si tratta di bambini così piccoli va usata leggerezza, cautela e solo con il trascorrere degli anni la pratica può essere sviluppata e approfondita.

La respirazione rebirthing è perciò uno strumento della medicina alternativa come l’omeopatia che può essere impiegato con successo dai genitori per curare e migliorare in modo naturale molti disturbi dei loro figli attraverso una respirazione circolare e consapevole.

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>