foto_peppa_pig_gabriella_capra

Donna fa causa a Peppa Pig: tutta colpa del nome

Peppa Pig è il cartone più discusso degli ultimi anni e adesso arriva perfino in tribunale. Tutta “colpa” di una signora italiana che si è sentita offesa dal personaggio inglese che fa letteralmente impazzire i bambini europei. Il motivo? E’ una questione di omonimia: il nome della signora è Gabriella Capra, lo stesso di un personaggio apparso recentemente negli episodi di Peppa Pig.

Per la precisione si tratta di una capra italiana, che Peppa Pig insieme a tutta la famiglia di maiali conosce in occasione di alcune vacanze nel nostro paese. Da quando queste puntate di Peppa Pig sono andate in onda la vita della signora Gabriella Capra sembra non sia stata più la stessa.

Come rende noto un comunicato di un’associazione di consumatori, che ha deciso di supportare la signora, Gabriella viene derisa e fatta oggetto di scherno da parte di amici e colleghi, che come la maggior parte degli italiani con figli a carico non perde una puntata di Peppa Pig su Rai Yo Yo, canale dove vengono trasmesse quotidianamente le avventure della simpatica maialina.

Una situazione che a quanto pare stava diventando ogni giorno sempre più difficile da gestire, tanto da optare di ricorrere alla giustizia. La vera Gabriella Capra, impiegata in una nota società privata, ha fatto causa all’Astely, azienda che produce Peppa Pig chiedendo un indennizzo di 100 mila euro, affinché venga ricompensata per il danno personale e pubblico che il suo nome ha subito.

Attraverso l’associazione di consumatori che la supporta, la signora ha già fatto sapere che se vincerà la causa contro Peppa Pig, tutto il ricavato sarà devoluto in favore di associazioni che si occupano di bambini abbandonati.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>