foto_pancia

Disturbi in gravidanza, la stitichezza: cause e rimedi

E’ inevitabile: la gravidanza comporta una serie di cambiamenti fisici che non possono non essere notati da chi li vive, soprattutto perché spesso potrebbero evolvere in fastidi. Molte future mamme sanno, infatti, che tra i disturbi più diffusi c’è proprio la stitichezza, ovvero la difficoltà di svuotare totalmente l’intestino.

Intestino pigro: è questo il problema. Le conseguenze variano dalla pesantezza al costante senso di gonfiore, da piccoli dolori intestinali a forti difficoltà nella defecazione. Risulta evidente che ci sia un numero ridotto di evacuazioni settimanali.

Ma qual è la causa? In gravidanza si producono ormoni in quantità maggiore rispetto allo stato non gravidico e alcuni di questi riducono sia l’ attività intestinale, sia l’ assorbimento di acqua, provocando delle feci più dure e un intestino più restio nell’ affrontare le proprie funzioni. Progesterone e aldosterone sono le sostanze chiamate in causa.

Come si sa, l’embrione sin dall’ inizio della gravidanza potrebbe essere visto dall’utero come un “corpo estraneo”, ma la presenza del progesterone agisce in modo che ci sia un rilassamento del tessuto muscolare uterino, impedendo un qualsiasi “rigetto”. Lo stesso ormone che fa da complice per la nostra gravidanza ha un effetto miorilassante anche sulle cellule intestinali, provocando “pigrizia” e ridotta motilità, quindi tendenza a stitichezza. L’ aldosterone invece agisce sull’ assorbimento di acqua ed elettroliti, così da rallentare ulteriormente l’attività intestinale. Talvolta anche l’assunzione aggiuntiva di ferro può indurre stipsi.

I rimedi naturali sono molti. Ad esempio è importante l’introduzione di fibre alimentari (frutta, verdura, legumi e cereali integrali) e di quantità maggiori di acqua, svolgere attività fisica (anche nuoto o acqua gym) e nel caso in cui ci fosse una persistenza del fastidio, possono essere aggiunti sotto consultazione medica blandi lassativi.

Anche se i lassativi esistono, bisogna ricordare che non se ne deve mai fare un abuso (specialmente se in gravidanza), soprattutto perché le soluzioni naturali esistono e sono alla portata di tutte le donne.

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>