foto_bambino_valigia

Viaggiare all’estero con i figli: le città family friendly

E’ importante che sin da piccoli i nostri figli imparino a scoprire il mondo, a guardarlo con interesse e curiosità, ammirando le differenze e constatando le uguaglianze. Per fa ciò c’è bisogno che i genitori riescano a promuovere e ad indottrinare sin da subito il concetto di viaggio come arricchimento della vita. I bambini devono imparare ad entrare nella così detta “modalità vacanza” per poter per tanto affrontare un viaggio in macchina, in nave o anche in aereo.

E’ necessario scegliere con ponderazione la meta,  ovviamente in Italia è tutto più facile ma all’estero le cose potrebbero cambiare. Innanzitutto se si decide di affrontare un viaggio con l’aereo è bene accorciare le distanze e recarsi in Europa, in quanto è difficile per un bambino piccolo far affrontare un volo superiore alle 3 ore, mentre con la macchina è consigliabile fare molte soste, anche se volare è molto più veloce e molte compagnie fanno fare il -battesimo del volo- al bimbo.

Parigi, non è una città  particolarmente family friendly, ad eccezione ovviamente del fantastico mondo di “Euro Disney”.Il parco tematico, comodamente raggiungibile con bus navetta o trenini, offre anche l’opportunità di poter prendere gratuitamente delle carrozzine molto ampie per chi non avesse intenzione di lasciare fuori le attrazioni la propria. Le giostre presenti sono quasi per ogni fascia d’età, lasciano a desiderare però i punti di ristoro anche se sono gli unici ristoranti di Parigi ad avere dei sedioloni. E’ bene sapere,infatti,  che nella capitale francese i seggioloni non sono usati quindi è consigliabile portare da casa il rialzo. Ottimo è il ristorante franchising -Pasta Papà-,  presente nella capitale francese in diverse zone,che offre a buon prezzo diverse varietà di primi.Inoltre a Parigi bisogna sperare sempre nel bel tempo e munirsi di keeway in quanto portare il carrozzino e l’ombrello assieme è difficilissimo. Come altrettanto arduo è scendere e salire le scale della metro, meglio gli autobus.

Sempre restando in Francia, molto più vicina di Parigi sono Nizza, e Cannes le quali sono più belle d’inverno, ed è rilassante portare i bambini sul lungo mare senza avere l’affluenza del turismo estivo. Essendo molto piccole come città risultano a misura di bambino,inoltre se si va verso Febbraio a Nizza, sarà possibile ammirare i famosi carri che sfilano per il Carnevale.

Copenaghen, è totalmente consigliabile per una famiglia.A misura di bambino,la città è piena di parchi dove è possibile giocare o rilassarsi, inoltre c’è una bellissima via dello shopping totalmente pedonale dove i piccoli possono camminare liberi fra i bravissimi artisti di strada. Per le vie si incontrano famiglie giovanissime numerose con figli seduti su carrelli attaccati alle bici, e l’essere genitori per i danesi è una vera risorsa infatti hanno tanti incentivi statali. Per ciò che concerne il mangiare invece è molto soggettivo, ogni madre sa come e cosa mangia il proprio pargolo e a Copenaghen si mangia tanto salmone…

La Spagna, invece, si sa è vicina, è caliente, anche d’inverno ci si può far tappa. Non ci sono problemi per trovare posti dove far mangiare i bambini ed è molto bello girare per le regioni dell’Andalusia affittando la macchina . Si consiglia però di evitare passeggini leggeri perché città come Granada, Malaga e Cordoba (caldissime d’estate) hanno delle strade in salita piene di buche. Vale comunque la pena anche camminare sulla rambla di Barcellona ammirando con i propri bimbi i vari artisti presenti.

Girare il mondo è favoloso, farlo con i propri figli diventa una nuova esperienza, i bambini viaggiando si rilassano e si divertono. Bisogna ricordare che soprattutto da piccoli si è curiosi e poi i pargoli mantengono il ricordo dell’avventura vissuta con i propri genitori con tanta gioia, per questo vale la pena provare ad affrontare un viaggio di piacere in una città estera ad ogni età, senza lasciare i propri figli, per vari timori, a casa con i nonni!

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>