foto_papà_bimbo

Papà-Mammi: quando il padre è sempre presente!

Nella società odierna, molto spesso, la figura paterna è presente sin da prima della venuta al mondo del futuro nascituro. Alcuni corsi pre parto prevedono  la presenza dei papà per rafforzare la coppia e potersi sentire maggiormente partecipi nell’affrontare l’inizio di una nuova vita. Il ruolo del così detto -capo famiglia- o meglio ancora di -chi porta i pantaloni in casa- è cambiato.

I padri, oggi, a differenza di ieri, sanno cambiare i pannolini, si svegliano durante la notte, preparano pappine e danno da mangiare ai propri bimbi, offrendo un grande aiuto alle madri che invece si ritrovano sempre più impegnate fra lavoro e vita di tutti i giorni. Facile, e anche non poco insolito, è trovare al supermercato padri che fanno lo spesa oppure al parco che spingono l’altalena dei propri bimbi. Accompagnano i figli dai pediatri, in palestra e a scuola e la sera crollano sul divano stanchi ma pur sempre felici di condividere con il proprio bambino il mondo dei così detti “papà-mammi”.

Questo nuovo ruolo, dovuto a necessità oppure a separazioni o mancanza  delle mogli, molto spesso suscita tenerezza fra le donne e  infatti, vi sono  madri che li  ammirano, madri che ne invidiano le consorti, o ancora mamme che ne sparlano perché si sentono usurpate o peggio ancora scippate della propria categoria.C’è però anche da dire che questa nuova figura non si impone nella società matriarcale, ma vi entra in punta di piedi, non pecca della classica saccenza femminile, anzi chiede spesso consigli alle altre madri che incontra ai giardini e soprattutto se si è genitore di una figlia femmina, sembra quasi che questi padri abbiano paura di toccarla e la proteggono come una rosa che vuol sbocciare fra un cespuglio spinoso.

I “papà-mammi” consolano i propri pargoli a volte anche meglio di una madre, riescono ad impartire una giusta educazione e ai figli maschi tendono ad insegnare un maggior rispetto per il sesso femminile. Come scrive nel diario – Tremenda voglia di vivere- la -Tremendina del papà- di don Antonio Mazzi, pubblicata per il 19 marzo:- Si può non essere marito o moglie, ma si ha l’obbligo d’essere padri e madri consapevoli». Ed è proprio questo che oggi fanno gli odierni papà ossia essere coscienti e consapevoli del proprio ruolo.

Ormai l’ uomo e la donna stanno vivendo una vera contro tendenza, una rivoluzione antropologica che a volte fa ben discutere ma che fondamentalmente rispecchia il cambiamento generazionale, infondo la parità dei sessi ha portato anche a questi risultati. E’ giusto che entrambi i genitori sappiano far tutto, è giusto che il bambino non abbia delle preferenze e che giochi con entrambi i genitori amandoli allo stesso modo.

bacio_pancione
<
>
bacio_pancione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>