foto_come_determinare_sesso_nascituro

Maschio o femmina? Te lo dice un libro!

Sarà maschio o femmina? E’ questa una delle domande che si pongono frequentemente i futuri genitori nei primi mesi di gravidanza, quando ancora non conoscono il sesso del loro bambino. Ma è possibile influenzare e addirittura scegliere il sesso del futuro bebè? Secondo il libro “Maschio o femmina? Decidi tu!” sì, e la scrittrice Valentina Pietrantoni in questo libro ci spiega come fare.

Secondo il libro “Maschio o femmina? Decidi tu!” è possibile scegliere il sesso del futuro bebè senza l’ausilio di metodi invasivi e costosi, ma usando metodi esclusivamente naturali. Il metodo si basa principalmente sulla distinzione fra cibi acidi e cibi basici, nonché su consigli per come ottenere un pH ideale per consentire un’efficace preselezione del sesso del futuro nascituro.

L’idea di fondo è che la dieta possa in qualche modo interferire sul sesso del nascituro, come affermano recenti studi condotti dal famoso studioso Joseph Stolkowski. Pare infatti che la dieta che segue la madre nei mesi precedenti il concepimento influenzi il pH dell’ambiente vaginale; se questo risulta poco acido è molto probabile che nasca un maschietto, al contrario se fosse acido favorirebbe la nascita di una femminuccia.

Ecco che gli alimenti capaci di rendere basico l’ambiente vaginale e quindi di favorire la nascita di un maschietto sono alimenti ricchi di potassio, come le verdure, il pesce, la carne e il lievito di birra; e alimenti ricchi di sodio come insaccati e formaggi. I cibi che favoriscono la nascita di una femmina sono alimenti ricchi di calcio come latte, yogurt, legumi e alimenti ricchi di magnesio e rame come riso integrale, orzo, semi oleosi.

Se questo metodo funziona? In Internet ci sono pareri contrastanti, da parte di mamme entusiaste e ricompensate da questo metodo e al contrario di mamme un po’ deluse. Il mio consiglio è quello di provare a seguire le indicazioni del libro, se proprio si desidera un maschietto o una femminuccia, ma senza prendere questo metodo troppo sul serio. E buona fortuna!

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>