ecografie_3D_4D_in_gravidanza

Ecografia in 3D e 4D: tutto quello da sapere!

Tutti i futuri genitori provano ad immaginarsi come sarà il loro bambino, alcuni di loro hanno bene definito nella loro mente l’immagine che si aspettano avrà il piccolo, mentre altri proprio non riescono a fantasticare su come sarà loro figlio. Oggi vengono in aiuto le ecografie in 3D e 4D, che permettono di avere immagini e informazioni molto dettagliate su com’è il bambino che verrà al mondo. Vediamo meglio in cosa consistono e quando si possono utilizzare.

L’ecografia tradizionale restituisce immagini bidimensionali in grigio e solitamente è quasi impossibile farsi un’idea di come sarà esteticamente il bambino, in quanto fornisce pochi dettagli sui tratti somatici del piccolo. Diversamente da essa, l’ecografia 3D fornisce una serie di immagini tridimensionali statiche che è possibile paragonare a fotografie a colori del bambino e nelle quali è possibile distinguere i tratti caratteristici del suo viso.

Un ulteriore passo in avanti è rappresentato dall’ecografia in 4D, in quanto le immagini vengono prodotte in tempo reale, anche se appena rallentate, e in movimento. In questo modo è possibile vedere esattamente quello che il piccolo sta facendo in quel momento e valutarne sempre le espressioni facciali.

Ad oggi l’impatto emotivo estetico rappresenta l’aspetto fondamentale e maggiormente conosciuto dell’ecografia 3D e 4D, ma tali ecografie risultano preziose, unite ad altri esami, anche per la diagnostica di anomalie del torace, degli organi fetali interni e per lo studio del cuore fetale.

Per ottenere buone immagini tridimensionali è ovviamente indispensabile disporre di un’apparecchiatura in grado di ottenere eccellenti visualizzazioni bidimensionali, e non tutti gli ospedali dispongono di apparecchiature così avanzate. L’ecografia bidimensionale standard rappresenta ad oggi la metodica principale di osservazione del feto.

La procedura di esecuzione dell’ecografia in 3D e 4D è identica ad una normale ecografia, e generalmente viene realizzata dalla 25.ma settimana in poi, quando il feto è di medie dimensioni. La nota negativa è invece il prezzo, se infatti non è eseguita in un ospedale pubblico, l’ecografia in 3D in una struttura privata supera i 100-150€.

La decisione su quale ecografia preferire come sempre spetta ai genitori, se desiderano avere maggiori dettagli possibili su come sarà il loro bambino o se invece preferiscono scoprirlo al momento della nascita!

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>