bimbo_balbettio

Cosa fare quando il piccolo balbetta: consigli e suggerimenti

Capita a volte di trovarsi di fronte a bambini che, anche se avevano conquistato un modo fluente e corretto di parlare, per diverse cause e condizioni, cominciano a balbettare. Comprendiamo meglio il significato del termine balbuzie e vediamo cosa genitori e/o adulti di riferimento possono fare per aiutarli.

La balbuzie è la presenza, nell’eloquio, di involontari prolungamenti, ripetizioni di parole o di parti di parole e di blocchi nella produzione del linguaggio. Spesso sono evidenti anche dei chiari segnali di quanto il bambino si stia sforzando di emettere correttamente il suo pensiero in quanto strizza gli occhi, muove la testa, soffia con forza.

Come genitore o adulto di riferimento dovremmo porre la nostra attenzione su cosa il bambino sta dicendo e non su come lo sta facendo, mantenendo lo sguardo su di lui ed evitando di anticipare o completare il suo pensiero.

In altri termini non dobbiamo mettere  fretta o ansia di prestazione al piccolo ed al contrario dovremmo, con voce calma e serena, eventualmente ripetere parte del pensiero esposto. Ad esempio ad una frase del tipo “oggi a sssscuola non c’era la mmmmaestra” dovremmo rispondere con voce rilassata e tranquilla “ah, non c’era la maestra ed è venuta una supplente?”.

Prima di fornire una risposta, inoltre, attendiamo qualche secondo in modo da mantenere un ritmo basso della conversazione, affinché il bambino non si senta schiacciato da un ritmo troppo incalzante.

Garantiamo al bambino uno stile di vita pacifico e non frenetico, rallentiamo i ritmi e diminuiamo l’eventuale concentrazione eccessiva di impegni e appuntamenti.

Non critichiamolo e non sminuiamolo dinanzi agli altri per non ledere la sua autostima e, per quanto possibile, sfruttiamo tutti i momenti della giornata per dedicarci ad una conversazione rilassata con lui. Talvolta il momento del pasto è quello particolarmente indicato per cui dedichiamoci interamente alla nostra famiglia. Spegniamo la televisione, lasciamo i cellulari e i tablet e poniamoci in ascolto. Tutto il nucleo familiare ne gioverà.

<
>

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>