omogeneizzati-fatti-in-casa

Come preparare da soli gli omogeneizzati

Chi ha un bambino, sa quanto costa mantenerlo e ancor più quanto costino gli omogeneizzati. Lo svezzamento è una fase importante che vede il piccolo passare dalla dieta di solo latte all’introduzione, nel suo menù, di cibi di gusto diverso, dapprima a base di sola frutta ed in seguito a  base di carne, pesce e verdure, per abituarlo così, con progressione, ai sapori adulti.

Preparare omogeneizzati casalinghi può offrire notevoli vantaggi: la scelta dei prodotti, la freschezza degli stessi, la certezza che si tratta di un alimento sicuro per la la salute del tuo bambino.

Inoltre, non è assolutamente complicato cimentarsi in quest’impresa. E’ necessario possedere o un semplice frullatore o un minipimer (frullatore ad immersione) o un omogenizzatore, e aver conservato piccoli barattoli di vetro con tappo a vite, precedentemente sterilizzati (farli bollire in acqua calda almeno 15 minuti).

Ecco il procedimento per prepararli:

I più semplici sono quelli alla frutta: basta sbucciarla, tagliarla a pezzi e metterla nel frullatore, alcuni frutti possono aver bisogno di aggiunta d’acqua (regolatevi a occhio). Cercate di fare il tutto piuttosto velocemente per non perdere con l’ossidazione e le vitamine con il rischio che il frutto diventi oscuro.

Per le verdure, invece, prendete una pentola, riempitela d’acqua, metteteci dentro le patate, le carote, la costa di sedano, le zucchine tagliate, un po’ di fagiolini mondati delle estremità e infine i pomodori e la cipolla, tutti rigorosamente puliti e senza buccia.

Fate bollire e ridurre l’acqua, scolate tutte le verdure, conservate un po’ di brodo che successivamente vi servirà da aggiungere gradualmente durante l’omogeneizzazione. Al momento dell’ uso, scongelare a bagnomaria i contenitori.

Per la carne ed il pesce è necessaria prima la cottura in brodo o al vapore; quando questi sono ben cotti, vanno disossati o disliscati con cura, tagliati a pezzi e quindi omogeneizzati. Se necessario, come per la frutta si aggiungeva l’acqua, in questo caso si può usare un po’ il brodo.

Terminato il processo, i vasetti di carne, pesce e verdura possono essere congelati nel freezer e al momento dell’uso comodamente scongelati a bagnomaria.

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>