foto_birra

Come diventare papà? L’aiuto inaspettato della birra

E’ una delle bevande più apprezzate al mondo e sembra che negli ultimi anni stia subendo una vera e propria riscoperta da parte della scienza. Stiamo parlando della birra, che qualche anno fa alcuni additarono come elisir di lunga vita. Stando alle ultime ricerche scientifiche ora la birra può addirittura creare nuove vite, in quanto sembra che sia un ottimo aiuto per favorire il concepimento.

A bere la famosa bionda, nata oltre duemila anni fa in Egitto, non deve essere la futura mamma bensì il papà. Secondo gli esiti di un recente studio condotto dai medici del Massachussetts General Hospital di Boston, un consumo regolare di birra garantirebbe un repentino innalzamento delle probabilità di concepimento maschile.

I medici americani sono giunti a questa sorprendente conclusione dopo aver sottoposto circa cento coppie, affette da problemi di infertilità duraturi, ad un lungo esperimento destinato a vagliare la presenza di un’eventuale correlazione tra alimentazione e concepimento e incentrato sul consumo di alcool e caffeina.

Mentre la caffeina si è rivelata deleteria nel determinare la qualità dello sperma maschile, facendo crollare le possibilità di concepimento dal 52% iniziale fino ad un misero 19% nel caso di forti consumatori di caffè, l’esperimento ha portato in luce come un consumo di birra regolare e non eccessivo potesse raddoppiare le iniziali chance di procreazione (pari al 28%) e porsi così come un coadiuvante naturale alle problematiche legate alla fecondità maschile.

E’ venuto alla luce, dunque, un nuovo risultato che si accompagna a quello di qualche mese fa che vede le carote prezioso alleato per la fertilità.

Gli studi sul consumo di alcool e la fertilità sono comunque ancora aperti: gli studiosi stanno approfondendo il tema. Per ora appare rilevante che il fattore alcool, usato moderatamente, è un importante catalizzatore della fertilità, adesso resta da scoprire perché.

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>