foto_latte_uova

Allergia alle uova, al latte e ai suoi derivati nel bambino: cosa c’è da sapere

L’allergia è di per se una condizione che insorge in maniera improvvisa. E’ fastidiosa, a volte limitante. Si può diventare allergici a qualsiasi età, ma quando i disturbi legati a tale condizione si presentano fin dai primi mesi di vita, allora la situazione prende una piega ancora più importante. Si perché essere allergici ad alcuni alimenti, specie quando questi fanno parte di gruppi alimentari importanti come il latte e i derivati e le uova, durante lo svezzamento, può rappresentare un problema. Un problema che comunque ha delle soluzioni, per fortuna.

Ma vediamo prima di tutto cos’è l’allergia e che sintomi comporta. L’allergia non è altro che una reazione immunitaria “esagerata” del sistema immunitario ad alcune sostanze, che poi prendono il nome di allergeni. Il nostro sistema immunitario infatti ha il compito di proteggerci dall’attacco di sostanze dannose, ma in alcuni casi interpreta quelle innocue, appunto come allergeni, e quindi potenzialmente pericolose, reagendo.

Tra le più diffuse allergie alimentari c’è quella al latte e i suoi derivati e alle uova. I sintomi più comuni sono manifestati a livello gastrointestinale e cutaneo. In queste zone infatti è presente un maggior numero di mastociti che interagendo con le IgE rilasciano istamina, e sono responsabili di modificazioni a livello di pelle, con macchie e prurito e a livello intestinale in termini di consistenza delle feci e odore poco gradevole.

L’allergia al latte vaccino è la più diffusa nei primi anni di vita, e compare fin dalla primissima infanzia. Chi è allergico sviluppa degli anticorpi contro alcune proteine del latte stesso, per cui dopo una prima esposizione a quest’alimento possono verificarsi, nelle successive somministrazioni, reazioni anche gravi.

L’allergia al latte non è da confondere con l’intolleranza al lattosio. In questo caso infatti il disturbo è dovuto alla mancanza di un enzima, la lattasi, necessario per digerire lo zucchero tipico di latte e derivati. In caso di intolleranza, non è coinvolto il sistema immunitario.

All’uovo si può essere allergici, come accade con il latte, ma anche intolleranti. La differenza sostanziale sta nei sintomi e nella stessa gravità e importanza di questi ultimi. Comunque è fondamentale sapere che l’allergia interessa il 5% circa dei casi e comporta una violenta risposta del sistema immunitario, l’intolleranza invece, il restante 95% ed è caratterizzata da sintomi di varia intensità e natura.

La diagnosi di allergia e intolleranza viene fatta tendendo bene in considerazione la storia clinica del piccolo paziente ed eseguendo dei test il più delle volte a livello cutaneo. Una volta individuato l’alimento responsabile si fanno dei test più approfonditi per capire l’esatto responsabile dell’allergia in maniera specifica. La cura ad allergie e intolleranza, specie per i bambini molto piccoli, consiste bell’eliminare dalla dieta quell’alimento responsabile delle reazioni.

A volte addirittura, durante l’allattamento è opportuno che la mamma limiti l’assunzione di alcuni gruppi alimentari, perché si riscontra, provocano reazioni al lattante. Molte mamme si sono trovate di fronte la problematica di allergia e intolleranza spesso sentendosi spiazzate e impotenti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>